Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Paesaggio

E-mail Stampa PDF

La rude mola della brezza contromano, spersa,

striscia e svasa briosa sul mare; volta e dilegua

il torpore della quieta lena della vasta stiva,

si spande a picco nelle lenti funi del gelato abisso.

 

Tracima e sale brilla una stramba luce,

allegra spuma vacilla nel largo fiato in petto al monte,

sul calvo dorso delle aspre rocce, scavato

dal fatuo fuoco nella lente del corpo vitreo.

 

Sciame di tinte torte nelle scosse delle molle in bilico

nella marea gassosa, nello scatto nel tornio tondo della retina,

che scrolla la muffa dell'inceppo croio

nel rocchetto smunto del temprato oblio.

 

Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information