Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Restauri e tarocchi

Vincent V.G.

E-mail Stampa PDF

Su e giù fra dune come gobbe mobili

gonfie di luce, senza guida

sbandi,come uno sciame

a zonzo senza olfatto;

nella sabbia la morsa del tuo esilio

né il conforto di un'orma o

l'ombra del respiro, solo spettri

nella calda pasta dei colori;

Ultimo aggiornamento Lunedì 17 Ottobre 2011 08:28
 

Stringa sonora

E-mail Stampa PDF

Lassù salda e nuda nella tua luce,

al riparo sui rami dall'insidie,

stringa sonora, generi lesta

ferme e solerti cadenze,

come martelletti sul timpano dell'opaco

silenzio, della veste dorata della calura.

 

Capolinea del celeste affanno, torretta blasfema,

la tua ciarla come un dubbio cupo

e tenace, sospeso sopra il presagio di leggi

oscure; un'allerta senza inganno

nell'ultimo responso dalla gola di un motore

immobile nell'incanto di un cielo inerte.

 

Corda invisa vali un'estate

quanto il sole, più del mare.

Ultimo aggiornamento Martedì 11 Ottobre 2011 13:39
 

Van Gogh

E-mail Stampa PDF

È morto bruciato

con un cuore

di farfalla in mano

dopo aver regalato

la propria luce

ad un fiore.

 

Di botto frotte di stelle,

girasoli degeneri come lividi

nel giro di vite

di un mondo rovesciato.

 

Svolta nel viavai

di ali sopra

l’incavo di robuste

scarpe, calco di passi

brevi, gravi e storti

rigirati dai raggi nel lume del Gran Carro.

Ultimo aggiornamento Lunedì 12 Settembre 2011 15:03
 

Dribbling

E-mail Stampa PDF

 

Spazio e tempo
stretti, idea
sinistra;
schizzi di terra
ed erba sotto
la scarpa;
colpo di tacco,
omicidio senza cadavere
scacco al RE.
Salto mortale,
doppio passo
sopra le righe;
falso letterario,
carta straccia,
abisso apocrifo;
giallo in versi,
sogno avvolto
nel sudore.
Ultimo aggiornamento Domenica 07 Agosto 2011 14:28
 

Grandangolo

E-mail Stampa PDF

A Pinoipp

 

La brezza contromano

svanisce nel mare,

ne rovescia il torpore

e ne esalta la forza.

Schegge, morbida luce, come

un'eco ininterrotta di sirene,

sullo scabro dorso delle rocce

segnato dai sogni.

Riverberi di arbusti e gialle ginestre,

sguardo strabico, grandangolo

che scuote e si impone

ai timbri della memoria.

Ultimo aggiornamento Sabato 28 Maggio 2011 13:39
 


Pagina 2 di 4

Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information