Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Le grandi chitarre del Rock

E-mail Stampa PDF

Il rock è chitarra. Anche ottoni (pensate al Rhythm ‘n’ Blues), percussioni e tastiera. Ma soprattutto chitarra. Nelle sue varie forme, acustica o elettrica, questo strumento da sempre ha favorito esibizioni personali di grandi interpreti, facendo loro dei protagonisti nell’immaginario collettivo degli amanti del rock. Wikipedia cataloga nella categoria “chitarristi rock” alcune centinaia di pagine relative ai principali artisti, di cui un paio di decine dedicate, addirittura come specifiche sottocategorie, ai giganti Bob Dylan e Bruce Springsteen. Difficilissimo quindi presentare esempi significativi di chitarristi rock; ci affideremo pertanto, come sempre, ai nostri gusti, tralasciando al momento i mostri sacri che meriterebbero un discorso a parte, e limitandoci a non più di 5 artisti. Ampia materia quindi per i nostri lettori, se vorranno tentare di completare questo complesso mosaico, sia col proporre gli interpreti che a loro più piacciono, sia nell’arricchire il catalogo di pezzi che proponiamo a corredo degli artisti da noi scelti.

Il blues è uno dei componenti fondamentali del rock; uno degli autori a cui molto si sono ispirati gli artisti rock è sicuramente Robert Johnson, quello del patto del diavolo (Devo correre, il blues viene giù come grandine. La luce del giorno continua a tormentarmi... c'è un segugio infernale sulle mie tracce) di cui abbiamo parlato nel corso di questo articolo. Val la pena credo, per uno dei maggiori interpreti blues anche se già proposto sullo Sbavaglio, proporre un brano specifico, tra le 29 tracce ufficiali che segnano la sua carriera (la trentesima sembra sia stata oggetto di transazione commerciale con il principe delle tenebre). Vorrei proporre, perché poi ripresa dai Blues Brothers”  “Sweet Home Chicago”.

Il Rock ‘n’ Roll in quanto tale si dice invece che sia stato inventato da Chuck Berry : secondo Wikipedia “… le sue canzoni furono le prime ad avere la chitarra come strumento principale. Berry fu anche il primo a inserire nei suoi testi tematiche riguardanti gli adolescenti e la rivolta che stava interessando loro in quegli anni, quando i giovani cominciarono a ribellarsi agli ideali degli adulti quali la famiglia, il lavoro, le false moralità; tutto questo trattato da Berry in modo semplice ed ironico.” Tra i suoi numerosi pezzi, vogliamo ricordare “Roll over Beethoven” (ripresa poi dai Beatles) e “Johnny B Goode” (uno dei testimonial sull’uomo portato nello spazio dal Voyager)

Fender StratocasterProtagonista invece del Blues, del Rhythm ‘n’ Blues, del Soul, dell’Hard e dello Psychedelic rock è il grande Jimi Hendrix, forse il più grande innovatore nel campo della chitarra elettrica e membro del famoso club 27. Co-protagostica la sua mitica Fender Stratocaster, con la quale Jimi era uso talvolta far sesso in scena. Secondo la rivista Rolling Stones, Jimi è stato il più grande chitarrista di tutti i tempi. Per citare Wikipedia “La sua esibizione in chiusura del festival di Woodstock del 1969 è divenuta un vero e proprio simbolo: l'immagine del chitarrista che, con dissacrante visionarietà artistica, suona l'inno nazionale statunitense in modo provocatoriamente distorto è entrata di prepotenza nell'immaginario collettivo musicale.

Di Hendrix proponiamo al vostro ascolto Hey Joe, un blues di Billy Roberts, e All Along the Watch Tower di Bob Dylan.

Veniamo quindi ai grandissimi (per me) Eric “Manolenta” Clapton e Mark Knopfler. Eric è probabilmente il più grande chitarrista blues bianco. Membro del gruppo di supervirtuosi Cream ( di cui fece parte lo stesso Hendrix), il percorso di vita di Eric è poi segnato dalla droga pesante e da tragedie personali (la morte di un figlio caduto da una finestra aperta dal 53simo piano di un grattacielo).  Suona in alcune interpretazioni memorabili con i Dire Straits e Mark Knopfler (oltre che con Dylan e altro grandi del rock), tra le quali vogliamo proporre “Sultans of Swing”, che presenta, nella seconda parte del brano (più o meno al minuto 7), forse  uno dei più fenomenali duetti di chitarra della storia del rock. Di Eric vorremmo inoltre proporre “Love minus zero – no limit” di Bob Dylan, e ancora “Layla”, caratterizzata all'inizio da uno dei più grandi riff chitarristici della storia del rock, “Cocaine”e una dolcissima canzone d’amore “Wonderful tonight”.

Mark Knopfler è il fondatore dei Dire Straits. Definito “l’uomo tranquillo del rock” si caratterizza per lo stile fortemente caratterizzato dal jazz e dal blues dei suoi pezzi, e dai testi particolarmente poetici e dal contenuto impegnato, contro la guerra, e che spesso hanno come protagonisti gli umili, sempre cantati in modo sommesso, quasi per non disturbare con la sua musica gli avventori dei locali dove Mark si esibiva con i Dire Straits. E tutto ciò in un’epoca in cui andava particolarmente di moda il rock esibizionista e urlato. Per citare ancora Wikipedia “ I Dire Straits confermano la propria fama di "anonima band di successo", non creano scandali, non suscitano polemiche e non appaiono sui giornali se non per la bellezza della loro musica; la chitarra di Mark Knopfler, la Schecter Custom Stratocaster rossa e bianca, diventa un simbolo per milioni di appassionati che seguono il gruppo nel corso degli anni.”

Di Knopfler vogliamo segnalare la vostro ascolto, oltre al già citato “Sultans of Swings”, il grande pezzo “Romeo and Juliet”, una canzone contro la guerra particolarmente bella che ha come protagonista un soldato napoleonico durante la campagna di Russia: “Done with Bonaparte”,  e una meravigliosa canzone d’amore “Golden heart”. E infine la famosa “Walk of life”.

Per chiudere vorrei infine proporre alla consultazione di chi è interessato alla storia del rock (in inglese), l’opera fondamentale “From the Guitar to The Laptop” dell’amico Piero Scaruffi, dalla quale potrete se non altro farvi un’idea della complessità che la materia presenta.

Ultimo aggiornamento Martedì 27 Settembre 2011 14:24  

Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information