Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

La casta dei miracoli - 1^ uscita: San Silvio

E-mail Stampa PDF

Si è detto tante volte che la satira spesso anticipa la realtà, qualche volta va … oltre.

Ognuno di noi Sbavagliari ha celebrato “la fase acuta” dell’uscita di scena del premier Berlusconi nei modi e con i richiami più disparati, la mitologia, le vicende belliche di Deretano duro e chissà quanti altri suggestioni e suggerimenti hanno viaggiato nell’immaginario collettivo in quei giorni …

Rovistando tra le tante cianfrusaglie della vecchia soffitta di Google mi è capitato di imbattermi in foto che ritraggono il Premier nelle più variopinte e “gossipparie” situazioni, il cucù alla Merkel, il baciamano alla versione cammellistica, dozzinale e “un pò abbronzata” del Moro di Venezia, ormai nel mondo che gli era più congeniale, quello dei PIU’, gli innumerevoli report sulle diete strappa grasso, sette- chili-in-sette-giorni.

San SilvioNe possiamo dedurre, sin qui, che Silvio è un comune mortale, succube anch’ESSO del giogo del tempo, vedere per credere, attenzione però, non ho detto provare per credere, lì varcheremmo i confini del ben vedere per invadere “altri campi” assai meno ameni ma pur sempre prevedibili.

Quello che, invece, propongo adesso alla vostra immeritevole attenzione, amici de Lo Sbavaglio, da sempre più o meno schiavi assoggettati al più abietto pessimismo e disfattismo materialistico poiché di sinistra, è qualcosa che varca i limiti della natura umana e terrena per travalicare nelle sconfinate praterie dell’eterno e del soprannaturale. Osservate bene la foto ritrovata in misteriose circostanze, e sbrigliamo a mille tutta la nostra fantasia per darcene una spiegazione e farsene, se possibile, una ragione.

“ANCORA TUU!!?...MA NON DOVEVAMO VEDERCI PIU’!!?”

Il mio primo dubbio dopo il ritrovamento…, una preghiera o un sadico rogo a fiamma lenta…? Poi, si sono avvicendate tante di quelle domande sul come … sul quando… che la mia mente ha preferito soccombere e abbandonare i binari della razionalità per immergersi in astruse supposizioni. Ad alcune ho anche tentato di dare una risposta estemporanea, per quello che valgono i fatti in questi casi ….

Ad esempio, si è più o meno sempre pensato che Esso aspiri alla massima carica, così in terra così in cielo, Presidente della Repubblica ma va bene anche DIO, quindi, come non prevedere cotanta ascesa spirituale da parte dei suoi fedelissimi almeno; pare che dell’Utri, interrogato in merito abbia come al solito risposto: “…Io non c’entro …”, mentre Bonaiuti si sia fatto suggerire in auricolare la risposta e Letta invece, abbia fornito una versione più intellettualistica, parlando di conversione Manzoniana maturata nelle notti insonni di Arcore. Ghedini sostiene che il suo assistito, perseguitato da giudici e magistrati di sinistra, abbia preferito affidarsi al Tribunale Divino, avendo così dei tempi di rinvio processuale … eterni!

Possibile che neanche Moretti nel suo “Il Caimano”, così profetico ed inquietante per le verità cabalistiche annunciate su vita e opere del personaggio, sia rimasto comunque aldiquà della percezione sovrasensoriale e non abbia preso in considerazione anche il potenziale ultraterreno del medesimo?

Le foto potrebbero essere la proiezione iconografica di un desiderio collettivo, eredità tangibile dell’ortodossia e del fuoco sacro del berlusconismo riuscito a materializzare, come la sindone su carta stampata, la devozione del suo popolo. O ancora … che l’immaginario collettivo degli Italiani che si sono ritrovati ancora una volta … nelle tasche le sue mani in occasione dell’ultima “manovra”, si sia spinto così in là, pur di esorcizzare la paura di un futuro di povertà, da trasformarlo in un novello San Gennaro.

Non si può escludere neanche la solita elezione plebiscitaria, ”ECCE HOMO!”. Sinceramente non mi sentirei nemmeno di trascurare un fenomeno di “bilocazione” del beato, con lo scopo di sedare e ricomporre le divergenze interne alla sua maggioranza.

Se si vuole tentare poi una datazione del fenomeno, è plausibile riferirlo ad epoca precedente la sua discesa in campo e in tal caso, se illuminazione divina c’è stata, può essere che lo Spirito Santo ci abbia toppato così tanto stavolta?

E se invece le foto si riferissero al “dopo discesa in campo”? Ad esempio, agli anni del clou del suo dispendioso dispiegamento di risorse economiche, umane, (anche energetiche!) profuse per fondare l’Ordine Monastico delle Olgettine, visto che alle Orsoline ci aveva già pensato il Vaticano!

Non è nemmeno da escludere l’eventualità che il motivo della sua latitanza dalla scena politica quando scoppiava la guerra in Libia, nonchè il suo riserbo interiore a “non volere disturbare Gheddafi tanto occupato“ siano ascrivibili alla sua impossibilità fisica e materiale a farlo … era in un’altra dimensione, un po’ come tutti pensammo … in quella circostanza.

E se fosse tutta colpa di WIKILEAKS! Troppa fuga di notizie, che figura … meglio rilanciare la propria immagine in un mondo non contaminato da Internet e nel quale è da sempre vigente ed esecutiva la legge “bavaglio”…

Infine, se pensiamo alle inchieste P3 P4 … ai Verdini, i Bisignani, i Milanese che lo hanno promosso “CESARE”, ci rendiamo conto che è ancora poco per Lui, non basta, tant’è che la foto ne interpreta appieno il sentimento di impunità e onnipotenza come spirito del Tempo …

Sullo sfondo è già guerra per la successione: Angelino, Tremonti, Letta, gli eredi naturali si contendono da anni l’eredità del berlusconismo; Letta è L’Andreotti del duemila, ecumenico, trasversale, amico di tutti, destra e sinistra, mediatore congenito fin dal tono di voce.

Cesare, ormai diffidente di entrambi, mentre l’Impero costruito negli anni Ottanta sul mattone e poi sulle TV, diventa politica allo scopo di mantenere intatti ricchezze e privilegi e tutto intorno si sfarina, firma … assegni e bonifici che ora volano in aria come coriandoli lanciati da mani indignate verso l’effige del Santo … ”VIVA SAN SILVIO” lasciano scritto sull’asfalto …

Se non è questo un miracolo…! Speriamo che ricapiti a qualche “pensionato sfigato”.

E’ un uomo che ha fatto la Storia, si dice, ma quella della corruzione eletta a sistema.

Magari può essere la volta buona e l’unico modo di togliercelo di torno … senza possibilità di riciclaggio sporco. CREDIAMOCI.

Si sa, le soffitte nascondono pensieri, sogni e i sogni, si sa, spesso sono desideri che … qualche volta … si avverano. W I MIRACOLI!

Ultimo aggiornamento Domenica 22 Gennaio 2012 20:37  

Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information