Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Letera a Presidento

E-mail Stampa PDF

 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo un’accorata richiesta di aiuto scritta da una giovane straniera, al momento ospite della meritoria associazione P.A.P.P.A. (Protettori Associati per la Prevenzione della Prostituzione Autonoma). Lo straziante appello, ne siamo certi, commuoverà il nostro Premier e determinerà un suo immediato intervento per risolvere, ancora una volta, il caso pietoso di questa sventurata ed ancora pura e casta giovinetta. Ben conosciamo la disinteressata disponibilità del nostro Capo del Governo, la Sua munificenza,  il Suo  prodigo afflato di mecenate nei confronti delle sfortunate persone che soffrono, ogni giorno, nell’Italia e nel mondo. Il Suo gesto di infinità generosità nei confronti della derelitta Ruby ne costituisce il più fulgido e recente esempio. Come saprete, ESSO ha pubblicamente dichiarato di aver regalato alla ragazza marocchina 45 o, forse, 60 mila euro per aprire un salone di estetica e comprare una costosa macchina laser atta alla depilazione. In tal modo intendeva evitare che la giovane perdesse la retta via seguita fino a quel momento rischiando, addirittura, di avviarsi verso l’umiliante pratica della prostituzione. Il marchingegno laser, da quanto ci risulta, non è stato ancora acquistato ma, come per la villa di Lampedusa, si tratta certamente di un ritardo tecnico di pochi giorni. In caso contrario, potremmo pensare di essere governati da un “allocco” che si lascia prendere per i fondelli da un’ingenua ragazzina extra comunitaria, sia pure imparentata con l’ex rais Mubarak. Non è così, senza alcun dubbio. Il Presidente potrà rivolgersi direttamente alla Redazione de “Lo Sbavaglio” o contattarla tramite il Suo incaricato di fiducia, il ragioniere Giuseppe Spinelli, responsabile del disbrigo di queste pratiche a scopo esclusivamente benefico.  Forniremo immediatamente il numero dell’IPhone dell’interessata. Siamo intervenuti sul testo per mere ragioni ortografiche e grammaticali, senza modificare in alcun modo lo spirito originale della lettera, poiché la protagonista non è ancora del tutto padrona della lingua italiana.

 

Carro Presidento la cugina di mia amica a leto su Giornale Libero di tuo grande quore generosso. Me essere ragaza magiorenne di età di 16 ani ma se vuoi anco di 18 o 24, giovane e bonaza che tu non conosci me ma che ti volio contare mia storia. O venuta da Albània con mia familia e ora sono trovatela e orfanela perche miei genitorri anno morti soto un treno frescia rosa mentre che loro cercavano rame de la ferro via per vendere a zingari. Cuando ero picola in Albània mio patre essere carcerato dei comunisti e mia mama fare bruto mestiero putanesco e me non gli impotavvo niente. Mi dava sempre bote se facevo di ridere e atre bote se facevo lagrime co i ochi. Me mangiare sollo pane e acua e erba di camporella ma la dommenica anco tasqebap, con carne di cano vivo. Tuti 29 di me frateli e soreline mi ano morti di fame e diarea cacogena. Me avere solo mio giocatolo di bampola di peza che poi mi essere arrobato da bruto ziastro porco che mi dava sollo la sera doppo consegna di Lele mosina che me chiedere per strata vicino Chiesa o doppo me vendere tuti fiamiferi soto neve e fredo di tempo natalisio.

Se tu dare me 60 milla euri o pure 45 milla euri tratabili cosi poso aprirre salun di beleza con machinario per defilare pianto di piedi e palmo di mani e fare cresceri capelli a queli che gli anno stati caduti. Se dai me soldi contati e melio per tuti che poi invece asegni si vedono e ci essere tropi rompicazi curiossi e bisogna racontare la rava e la fava de le cose nostre intime. Se me non fare mestiero estetistico alora esere costreta  altro mestiero di puttamamento su strata como lo steso de la mia povvera matre buonannima co i uomi vechi e culi flacidi. Gia me legere libreto manutensione  ford escort ma io non capisce bene taliano e parole como piattone de lo sterco e cambio tomatico

Aiuta me Papi Presidento per favore da la di me sventuratta vita futurra troiesca. Me avere scrito puro a Lelle e Emiglio con di me buk di fotograffie co i bichino e senza i bichino che e puro melio per raccomandazio e acompagnamento a tuo castelo di Arcoro. Me piacere molto belissimo giuocco di Bungo Bungo o puro cene raffinatte e barzelete e musicca Appicelo. Me potere anco currare tuoi poveri 86 denti malatti doppo atentato di porco comunista. Me non esere ancora nipotinna di ditatore ma pozzo diventare subbito parenta se tu dai tuo filio come di me marito o se tu aiutare me e io poi sposare altro bravo giovvane taliano e fare bello bambino alto e fascinante commo Presidento che poi diventare sicuro Re di Italia sudica.

Bacci e abbraci tua per senpre.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 22 Giugno 2011 12:23  

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna


Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information