Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Cose nostre

E-mail Stampa PDF

1. Il Premier bestemmia

Monsignor Giancarlo Fisichella, ex pilota di Formula 1, sostiene che bisogna contestualizzare: «Anch’io, se mi si fondeva il motore a un giro dalla conclusione di un Gran Premio, discutevo animatamente con la Madonna».

2. Agguato al giornalista d’inchiesta Maurizio Bellissimo Pietro

Torna il terrorismo rosso, nel pervicace tentativo di intimidire con l’uso delle armi la libera informazione di “Libero”. I servizi segreti, la polizia, i carabinieri, i finanzieri, l’esercito, i parà della Folgore, i ROS, il gruppo di CSI Milan, il corpo delle guardie forestali, i lagunari, i vigili urbani di Santa Lucia e le ronde padane hanno scatenato una spietata caccia all’attentatore. Il Ministro Maroni, molto preoccupato per l’escalation in atto, ha richiesto una consulenza anche agli specialisti del gruppo Ghostbusters.

 

 

 

3. Sallusti e Porro indagati per “cazzeggio aggravato”

Alessandro Sallusti, da qualche giorno Direttore Responsabile al posto di Vittorio Feltri e Nicola Porro, vicedirettore de “Il Giornale”, risultano indagati per concorso in violenza privata nei confronti della Presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia.

Dai brani delle intercettazioni pubblicate, riportiamo qualche frase pronunciata dalla “Pianta erbacea monocotiledone”, nelle sue conversazioni telefoniche con Rinaldo Arpisella, responsabile della comunicazione istituzionale per la presidenza di Confindustria. Si comincia con un amichevole SMS:

«Ciao Rinaldo domani super pezzo giudiziario sugli affaire della family Marcegaglia». E si prosegue con un affettuoso e cordiale annuncio: «… abbiamo spostato i segugi da Montecarlo a Mantova … adesso ci divertiamo: per venti giorni romperemo il cazzo alla Marcegaglia come pochi al mondo …». Alla domanda di Arpisella « Ma, cioè, davvero o è una boutade?», Porro replica, rassicurante: «Eh, un po' è vero, un po' è vero».

Oggi Nicola Verruca - pardon, Porro - sostiene: « Ma dai, ma quale ricatto? È stato tutto un equivoco, un cazzeggio tra amici preso troppo sul serio dai magistrati!»

La Emma, infatti, informata dal suo collaboratore, aveva deciso di proseguire il “cazzeggio” e, evidentemente preoccupata, telefona a Fedele Confalonieri, che a sua volta, dopo aver contattato Feltri, la tranquillizza in proposito.

Chi ci resta proprio male, in questa storia di ordinari “cazzeggi”, è il povero Paolo Berlusconi, il proprietario della maggioranza de “Il Giornale”. Avrà pensato: «Sembra proprio che io non conti una minchia. Anche questa volta, non mi ha cagato nessuno!»

4. La lineare e cristallina coerenza di Vittorio Feltri

Vittorio Feltri dichiara in un’intervista:

«… io personalmente sono amico della signora Marcegaglia che conosco da molti anni; ho la massima stima nei suoi confronti …»

Poi spiega meglio in cosa consiste la sua “massima stima”, in una conferenza stampa.

«… la Marcegaglia parla ogni due minuti in televisione e ci ha anche un po’ rotto i coglioni, se me lo permettete … quindi l’ultima cosa nella vita che vorrei fare è intervistare la Marcegaglia perché cosa può dire la Marcegaglia, se non le solite banalità …».

Il Direttorissimo, la Redazione e tutti i lettori de “Lo Sbavaglio” condividono in toto, per una volta, queste ultime dichiarazioni del Direttore Editoriale de “Il Giornale”.

Nella stessa intervista, Feltri prosegue: «… mi piacerebbe che qualcuno mi spiegasse che cosa sono questi dossier, chi li fa, chi li dà. A me, purtroppo non ha mai dato niente nessuno … ».

Per avvalorare questa incontrovertibile affermazione, la direzione de “Il Giornale” annuncia che, sabato nove ottobre, pubblicherà "un dossier di quattro pagine" sul presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia.

5. Perquisita la sede de “Il Giornale”

Pare che le forze dell’ordine abbiano sequestrato, tra l’altro, il plastico completo della “casa di Montecarlo”, pronto per essere esposto come "vespasiano" alla mostra d’arte moderna di “Porta a Porta”.

6. Renata Polverini imbocca Umberto Bossi con i rigatoni con la pajata

Il leader della Lega è stato ricoverato d’urgenza presso il Policlinico “Gemelli” di Roma, a causa di una forma allergica alimentare. I sintomi sono quelli classici: gonfiori, eruzioni cutanee, prurito, nausea, vomito, diarrea,  dito medio alzato e rigido. Dai primi accertamenti, pare che il Senatur risulti intollerante, oltre che agli extra comunitari, anche a tutti i piatti centro-sudici.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 22 Giugno 2011 12:26  

Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information