Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Schifani: “mission impossible”

E-mail Stampa PDF

Anch’io, come l’amico Crosstalk che ha scritto su “Lo Sbavaglio” l’articolo “Quello che veramente mi fa incazzare”, sono rimasto favorevolmente colpito dalle recenti dichiarazioni del Presidente del Senato, Renato Maria Giuseppe Schifani (si chiama proprio così, non è colpa mia!), secondo il quale Facebook è più pericoloso dei gruppi degli anni '70. Oltre all’ignoranza sul mondo della tecnologia, potremmo imputare al Presidente anche qualche imprecisione storica. Da quello che ho capito, infatti, i gruppi a cui si riferisce il Senatore hanno origini successive o molto precedenti rispetto agli anni ’70. Il partito di Forza Italia, per esempio, vede la luce il 18 gennaio 1994, Comunione e Liberazione nasce nel 1954, il movimento dei Focolarini è fondato da Chiara Lubich nel 1943, le origini della F.U.C.I. (Federazione Universitaria Cattolica Italiana) si collocano negli anni compresi tra il 1896 e il 1904 e, infine, i primi passi dell'Azione Cattolica risalgono addirittura al 1867. Della pericolosità  di quest’ultimo gruppo si era accorto nel 1987, ben prima di Schifani dunque, anche Zucchero Fornaciari, componendo e cantando il memorabile inno “Solo una sana e consapevole libidine salva il giovane dallo stress e dall'Azione Cattolica”.

 

 

Ma, in vicinanza del Santo Natale, perdoniamo volentieri i piccoli errori di Renato. Anzi, vogliamo in qualche modo rendergli omaggio, istituendo un concorso a premi. La mia proposta è quella di sfidare tutti i lettori in un’impresa difficilissima, la definirei quasi come una “mission impossible”: ricercare e trovare una frase intelligente (ne basta una sola!) pronunciata da Schifani durante la Sua intera esistenza. Sarà dura, ma sono convinto che qualcuno, magari, riuscirà nell’immane compito. Per il vincitore è previsto un premio eccezionale: una serata, tutto compreso, a Palazzo Grazioli, naturalmente appena colui-che-preferiamo-non-nominare si sarà completamente ripreso dal malore che lo ha vilmente colpito a Milano. Mi rendo conto che il premio avvantaggia le lettrici piuttosto che i lettori ma, per una volta, cerchiamo di promuovere l’emancipazione femminile! Riflettendoci un momento, però,  mi accorgo che lo squilibrio è eccessivo; allora riformulo la proposta del primo premio, nel rispetto di una “par condicio” sia politica che sessuale. Vincitrice donna: una serata, tutto compreso, a Palazzo Grazioli. Vincitore uomo, una serata, tutto compreso, presso il convento di Marrazzo, in assenza dei frati. In ogni caso, il trattamento previsto sarà assolutamente identico. Secondo premio: l’Opera Omnia del Ministro Bondi, con dedica autografa dell’autore. Dal terzo al decimo premio: tessera del PdL, che prevede l’iscrizione a vita, da regalare a Natale, come da Lui suggerito.

Per non inficiare la partecipazione, vi informo sull’unica norma prevista dal regolamento del concorso: chiunque vinca ha la possibilità di devolvere il premio al suo/a miglior nemico/a (che pessima parola, quest’ultima, se vogliamo far prevalere l’amore sull’odio: sostituiamola con avversario/a!).

La giuria, composta da tutti i redattori de “Lo Sbavaglio” presenti e futuri, sarà presieduta da Crosstalk – purché gli sia passata l’incazzatura – ed emetterà il suo irrevocabile verdetto, a scrutinio segreto, 7 minuti dopo aver ricevuto le risposte, a partire dal giorno e dall’ora segnati in questo preciso momento dal vostro orologio. Partecipate numerosi e, passiamo ad altro …

 

Sono convinto che un “bel gioco dura poco”, per cui vi prometto che questa sarà l’ultima volta che vi annoierò con i miei strampalati anagrammi. Si tratta, ovviamente, di una promessa politica, quindi non siate troppo tranquilli!

 

 

SENATORE RENATO SCHIFANI - PRESIDENTE DEL SENATO

 

NESSI: NATO DA TIFOSO CHE  PERSE TRE RENNE DI NATALE

Nessi, nel senso di “collegamenti”. Quali caratteristiche avrà ereditato da un papà appassionato ma distratto?

 

SENATORE RENATO MARIA GIUSEPPE SCHIFANI - PRESIDENTE DEL SENATO

 

SE PENSI, RENATO PETA E GIURA SORRIDENTE CHE LA MAFIA NON ESISTE.

D.P.

Ovviamente, la sigla finale è la firma dell’Onorevole Antonio Di Pietro. Concordiamo sull’invenzione della mafia, fantasiosa organizzazione che scredita in modo pernicioso il nostro Paese all’estero. Non sapevamo, invece,  che il Presidente soffrisse di aerofagia,  meteorismo, eruttazione e flatulenza. Speriamo che si curi, perché ha sicuramente bisogno di un medico … ma di quelli davvero bravi!

Ultimo aggiornamento Mercoledì 22 Giugno 2011 12:30  

Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information