Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Il modello Ghedini

E-mail Stampa PDF

La riforma del processo presentata al Senato da PdL e Lega per “garantire tempi certi alla giustizia” è assai singolare anche da un punto di vista strettamente metodologico. La riforma si incarica, infatti, di accorciare i tempi dei processi imponendo un tempo massimo, due anni, per la durata di ogni grado di giudizio, trascorso il quale il reato cadrà in prescrizione.

 

In un paese affamato di riforme, la riforma del processo voluta da Berlusconi può allora davvero costituire un modello di riforme, che per semplicità e dovere di riconoscenza chiameremo d’ora in poi “modello Ghedini”,  da applicare analogicamente in altri contesti malati dell’Amministrazione dello Stato.

 

Basti pensare alla situazione del trasporto su rotaie. Ci si può in fatti chiedere perché si investa tanto in alta velocità quando si potrebbe, assai più convenientemente applicando il modello Ghedini, accorciare i tempi di percorrenza tra le stazioni. Prendete ad esempio la tratta Salerno-Reggio Calabria, non ancora realizzata. Oggi, quando va bene, ci vogliono almeno 4 ore per percorrerla. Un apposito decreto legge potrebbe portare questo tempo ipso facto a - vi va bene? - 2 ore. A questo punto il problema sarebbe tutto nelle mani dei treni e dei macchinisti. O ce la fanno a raggiungere il lungomare dello Stretto nelle due ore a disposizione o si fermano dove sono arrivati, più o meno sui primi contrafforti del Pollino, e il treno con i suoi passeggeri cadrà in prescrizione. Ma almeno, finalmente, avremo tempi certi anche per le Ferrovie dello Stato.

Naturalmente il geniale modello Ghedini potrà, d’ora innanzi, essere applicato in molti altri contesti, pubblici e non, per migliorare l’efficienza di numerosi settori dell’economia nazionale che vi lascio immaginare unitamente alle brillanti conseguenze della sua applicazione. Un sincero, sentito ringraziamento al dr. Ghedini,  illustre pioniere di una delle più rivoluzionarie, non esagero certo!, trovate dei nostri tempi.

Ultimo aggiornamento Sabato 14 Novembre 2009 19:48  

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna


Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information