Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Satira

Italian Candidos

E-mail Stampa PDF

In queste ore c’è da restare particolarmente colpiti non tanto, per forza di cose, dagli oramai consueti e smaccati tentativi del Primo Ministro di recuperare, a suon di fantasiose promesse, quel favore elettorale che ha definitivamente perso. A meritare la nostra attenzione sono due personaggi tra loro diversissimi, nell’occasione accomunati da ineffabile candore. Come due pulcini bagnati si sono presentati agli occhi degli Italiani il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, e il governatore della Lombardia, Roberto Maroni.

 

 

A casa di Cetto La Qualunque - parte seconda

E-mail Stampa PDF

Quest’anno ha deciso di sfruttare gli appoggi giusti (Lui ha tanti amici) e di presentarsi come parlamentare ed è sicuro come del resto tutti noi di essere eletto nella sua circoscrizione. Per questa ragione gli chiedo quale programma ha intenzione di presentare al paese per uscire dalla crisi e giungere vittorioso in parlamento.

- Chiedermi se sarò eletto è una domanda inutilmente inutile, se mai occorrermente chiedermi con quanti voti e quando. I voti non occorre contarli perché io so che saranno milioni, milioni, anzi che dico, miliardi saranno i voti che Cetto prenderà qualunquemente in qualunque posto del mondo anzi dell’universo e provincia, vincerò! Questo scrivilo sui cubi e sui caratteri una settimana prima delle elezioni. Mi proclameranno insommamente vincitore. Cazzu, cazzu!

Ultimo aggiornamento Mercoledì 18 Maggio 2016 16:00
 

A casa di Cetto La Qualunque - parte prima

E-mail Stampa PDF

(Una chiacchierata col maestro)

Quando mi arrivò la telefonata di Armino non credevo alle mie orecchie. Se pure egli non fosse d’accordo su quel incontro da me tanto agognato, l’idea di avere un confronto con Cetto La Qualunque (Il maestro) mi intrigava. Uno scoop per lo Sbavaglio era per me in effetti un fatto di eccezionale importanza. Con tutto quello che mi era capitato, la mia salute, la famiglia; era, dopo tre anni di forzata assenza dallo Sbavaglio un modo eccezionale per rientrare nel giro che conta e nessuno, neppure Armino mi avrebbe fatto cambiare idea, e poi una occasione così quando mi ricapita continuavo a ripetere a me stesso. Un giudizio di Cetto La Qualunque sulla situazione politica e con Renzi come presidente del consiglio poteva essere per tutti noi e per me in particolare di grande insegnamento e chissà PG545454 e Francesco come sarebbero stati invidiosi! Ragazzi un brivido mi ripercorreva la schiena!

 

 

La palla di gamberi su letto di panzanelle

E-mail Stampa PDF

L’ho detto volutamente, come ormai mi capita da tempo, in modo provocatorio: “le elezioni? Praticamente un inutile rituale!”. Il mio commensale ha abbozzato, perché in realtà è un signore, ma era evidente il disagio che questa mia affermazione gli aveva provocato, facendogli dirottare le facoltà cognitive, al momento del tutto impegnate nella degustazione di un’ottima “palla” di gamberi su letto di panzanelle accompagnata dal fresco di uno stimolante bianco “fermo”, all’analisi della blasfemia e all’elaborazione di opportuni controargomenti di ortodossa anti-eresia. Il mio vicino ostentava indifferenza, fingendosi concentrato su un lattonzolo di maiale sapientemente cucinato e servito nel locale sede della annuale festa de Lo Sbavaglio (riservata ovviamente alla crème direzionale del popolare blog), in realtà pregustando il di lì a poco avvenire di tosse convulsa, boccone di traverso e apparire congestionato del mio avversario dialettico.

Ultimo aggiornamento Sabato 14 Giugno 2014 14:48
 

Le paludi intorno a Leonia

E-mail Stampa PDF

Il dramma del nostro tempo, si sa, è il pensiero incompiuto. Colpisce in particolar modo le menti migliori. Gli intellettuali, gli idealisti. E' che a far gli idealisti l'è dura. La messa in pratica dell'ideale difficile. Si scruta l'orizzonte, alla ricerca di nuove guide in grado di radunare gli stanchi manipoli. Emergono infine! Dalle terre ove spunta l'Aurora dalle dita rosate, dal sonante mar lungo le rive, onde non tacque le tue limpide nubi e le tue fronde l’inclito verso di Colui che l’acque cantò fatali, ed il diverso esiglio. Seguite, ahimè!, da orde di tenebrose larve. da anime vaganti, emergenti dalla caligine nefasta della palude, vecchi compagni, perduti amici ormai pensati svaniti nelle brume della Storia, sorpresi nell'atto compulsivo di riconsegnare ad essa insoluti conflitti nella continua riformulazione di incomprensibili acronimi. Chi SEL? RC! Evanescenti, sfuggenti, si candidano e scompaiono, si candidano e accettano, si candidano e boh, strateghi del minimo zimbello. Il pensiero si perde e in circolo eterno ritorna agli usati argomenti, ai desueti stilemi. Promette e non mantiene. Inizia e non conclude. Si arena infine in tanta fatica.

Ultimo aggiornamento Domenica 08 Giugno 2014 09:20
 


Pagina 1 di 17

Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information