Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Il ministro per la Contrazione Economica

E-mail Stampa PDF

Guardiamo con interessata speranza al nuovo governo Monti. Ci auguriamo che possa contribuire ad evitare - almeno per la parte che ci riguarda come italiani - il tracollo dell’euro e che possa farlo risanando i nostri conti pubblici, mettendo finalmente le mani (sì proprio le mani, entrambe le mani voluttuosamente) nella tasca degli italiani più ricchi e che più si sono avvantaggiati del colossale trasferimento di ricchezza, dal lavoro alla rendita e al  capitale, che è avvenuto nell’ultimo inglorioso ventennio.

Aspettiamo il professor Monti fin dalle prime mosse per capire il segno del suo governo. Non possiamo, tuttavia, nella speranzosa attesa trascurare un piccolo tarlo che ci viene fastidiosamente dalla lettura della lista dei  ministri.

Il dottor Corrado Passera, attuale consigliere delegato di Intesa Sanpaolo, è stato nominato Ministro dello Sviluppo Economico e delle Infrastrutture e Trasporti: un ruolo di primo piano perché la principale delle emergenze del Paese, secondo tutti gli analisti, è la difficoltà a crescere che da troppi anni affligge l’Italia. Ora Passera sarà senza dubbio gradito anche al presidente uscito Berlusconi (tanto è vero che avrebbe voluto addirittura dedicargli il nome del suo nuovo partito, Forza Gnocca o Forza Passera che dir si voglia) ma ha davvero i numeri e il curriculum per riuscire in questo difficilissimo compito?

Alle sue spalle il neo-ministro dello Sviluppo Economico può vantare:

  • la liquidazione del Gruppo Olivetti e, con essa, la fine delle ambizioni italiane nel settore informatico;
  • il drastico ridimensionamento delle Poste Italiane, con oltre ventimila posti di lavori in meno;
  • la riorganizzazione di Banca Intesa con molte migliaia di esuberi forzosi e la successiva fusione con la banca Sanpaolo in un contesto, sempre costantemente, di tagli e “razionalizzazioni” produttive.

È proprio sicuro il professor Monti che il Passera sia la miglior carta nazionale per rilanciare lo sviluppo economico del Paese? Se le ricette note al Passera sono quelle che abbiamo ricordato, c’è davvero poco da stare allegri.

Ultimo aggiornamento Giovedì 17 Novembre 2011 08:37  

Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information