Silvio, il marò

Mercoledì 09 Novembre 2011 14:30 Hits: 1352 Pino Ippolito Armino Politica
Stampa

Per chi non avesse fatto il servizio militare in Marina, a me è toccato per diciotto mesi, ricordo che l’espressione gergale marò altro non è che un diverso, più grazioso e gradevole all’orecchio, modo di dire marinaio. Ora, di tutte le voci di vocabolario che si  è soliti affiancare a questa categoria di uomini del mare ve ne è una assai più usata delle altre: promesse. Promesse di marinaio, si dice infatti, ad indicare impegni e obblighi assunti con la naturalezza di chi sa di dover salpare il giorno dopo per un altro porto. Volete vedere che tra i tanti mestieri del Presidente Berlusconi – imprenditore, operaio, finanziere, politico, puttaniere ... pardon utilizzatore finale, etc - si possa inventariare anche quello di marò?

Sarà sufficiente attendere la prossima settimana dopo l’approvazione della legge di stabilità, sempre che il tracollo delle borse e dei mercati ce lo consentano, per sapere se Berlusconi è uomo d’onore (non fraintendiamo, suvvia!) o, per l’appunto, un semplice marò. Darà, cioè, le dimissioni come promesso al Capo dello Stato e all’opinione pubblica interna e internazionale, oppure, avrà solo preso tempo ed eventualmente corroborato da un successivo voto cui si potrebbe aggiungere una manciata di nuovi “responsabili” comprati al suk di Montecitorio, si rimangerà la parola data?

I precedenti non confortano. Non vale neppure la pena elencare, né poche pagine basterebbero, le innumerevoli volte in cui l’attuale inquilino di Palazzo Chigi è stato “male interpretato” dai media. Non si può, pertanto, a priori escludere che anche in questa occasione si abbia noi capito male. Quanto alle promesse vere e proprie non basterebbe neppure un intero volume a documentarle tutte, da quelle più istituzionali come la Salerno-Reggio Calabria o il ponte sullo Stretto, a quelle più bizzarre come la sconfitta del cancro.

Occorrerebbe allora ricominciare proprio da quell’incrocio tra etica ed estetica che Eugenio aveva sapientemente introdotto nel suo ultimo articolo su Lo Sbavaglio, e che troppo rapidamente è stato escluso dalla nostra discussione. Lo potete trovare qui.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 09 Novembre 2011 14:54  

In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information