Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Amarcord

E-mail Stampa PDF

Non sono in tanti, quelli che ricordano. Alcuni dimenticano davvero, altri fanno finta di aver dimenticato. Eppure esistono fatti, avvenimenti, parole, dichiarazioni che dovrebbero essere sempre ben presenti nella nostra mente perché ci consentono di operare alcune verifiche, di stabilire una qualche verità, di  valutare le persone per ciò che hanno detto e fatto “ieri” rispetto a quanto è realmente accaduto “dopo”. Gli italiani, a mio parere, non hanno una memoria “da elefante”; al contrario, si scordano rapidamente non solo la Storia in senso lato ma anche ciò che è avvenuto in un passato fin troppo recente. Proviamo, allora, a proporre un “amarcord” che ci aiuti  a ripercorrere il tempo andato e, soprattutto, a considerare con maggiore attenzione e senso critico il presente ed il futuro.

 

29/07/2009 - "… Non possiamo dire che questo non è un Paese pacificato. Il contrasto sociale non si è ancora manifestato e non si manifesta e la scelta di incentrare le risorse sugli ammortizzatori sociali è stata giusta … questo Paese è ancora pacifico e c'è un'altissima coesione sociale a differenza di quanto accade in altri Paesi europei …". Giulio Tremonti, ministro dell'Economia.

11/03/2010 - "… Grazie a Tremonti i conti pubblici sono sotto controllo … La rinuncia agli incentivi per le auto è il segnale che le cose stanno migliorando … La crisi è alle spalle, è iniziata la risalita … La Banca del Sud non sarà un carrozzone statale …" . Il Presidente del Consiglio. Lasciamo da parte i conti pubblici, ma qualcuno ha notizie della famosa “Banca del Sud”?

24/04/2010 - “… Le tabelle del Fondo Monetario Internazionale ci vedono messi sul debito pubblico a fianco della Germania e molto meglio di tanti altri grandi Paesi, Stati Uniti compresi … questo è oggettivamente un merito del governo Berlusconi  … Ciò non vuol dire che dobbiamo mollare la presa e che possiamo riprendere a spendere: è esattamente l’opposto, ma almeno è un investimento per tutti …” . Giulio Tremonti, ministro dell'Economia.

27/05/2010, ore 23 appena passate. “… Dottore, volevo confermare che conosciamo questa ragazza, ma soprattutto spiegarle che ci è stata segnalata come parente del presidente egiziano Mubarak e dunque sarebbe opportuno evitare che sia trasferita in una struttura di accoglienza. Credo sarebbe meglio affidarla a una persona di fiducia e per questo volevo informarla che entro breve arriverà da voi il consigliere regionale Nicole Minetti che se ne occuperà volentieri ...”. Il Presidente del Consiglio. Per la maggioranza dei deputati della Camera, il Premier ha veramente agito per evitare un grave incidente diplomatico con l’Egitto.

29/06/2010 - "… La crisi è alle nostre spalle, per fortuna, e l'Italia ne sta uscendo meglio degli altri in Europa … le famiglie italiane non hanno fatto come quelle americane, ovvero hanno consumato ma hanno saputo anche risparmiare … Il sistema bancario italiano si è rivelato molto solido ...”. Il Presidente del Consiglio. Qualcuno ha idea di quanto valore abbia perso la capitalizzazione delle maggiori Banche italiane quotate alla borsa di Milano? I sei maggiori istituti bancari del Paese, al 28 luglio 2011, hanno una capitalizzazione di 66 miliardi di euro, contro i 218 di fine 2006. Nel frattempo la situazione si è notevolmente aggravata.

29/10/2010 - "… Il peggio della crisi finanziaria sembra sia alle nostre spalle e sia iniziata, sia pure lentamente, la ripresa …  il Governo seguirà attentamente il sistema, adottando tutti i provvedimenti che si renderanno necessari a favorire l'uscita dalla crisi e il rilancio dell'economia reale …". Il Presidente del Consiglio. Qualcuno è in grado di elencare UN SOLO provvedimento di questo Governo che abbia favorito “l'uscita dalla crisi e il rilancio dell'economia reale”?


15/04/2011 - ”… L’Italia è messa in modo molto diverso da come ce la raccontano i pessimisti in Italia, nel confronto con altri Paesi viene fuori piuttosto bene, noi siamo delle persone serie …  l’Italia e gli italiani hanno fatto bene, con altri più chiacchieroni e pasticcioni saremmo invece potuti finire male”. Giulio Tremonti, ministro dell'Economia.

11/04/2011 - “… Quello su Ruby è un processo infondato e senza senso Non c'è alcuna concussione e neanche l'altra accusa infamante, la prostituzione minorile … Quando la ragazza ha raccontato davanti a me e a tutti la storia dolorosa che ci ha commosso l'avevo aiutata. Le avevo dato persino una chance di entrare in un centro estetico con un’amica, che avrebbe potuto realizzare se portavano un laser ANTI depilazione, per un importo che a me pare di 45 mila o 60 mila euro, non ricordo …”. Il Presidente del Consiglio.

21/04/ 2011 - "… Gli italiani hanno la tendenza ad auto-penalizzarsi … I nostri conti pubblici non sono messi male … il debito pubblico va tenuto sotto controllo e si sta lavorando intensamente a questo scopo … sul debito stiamo dopo la Germania che si è distinta per la forte crescita dopo la crisi, però noi siamo allo stesso livello con gli altri Paesi". Giulio Tremonti, ministro dell'Economia.

28/07/2011 – L’affitto in nero pagato a Marco Milanese - “… L’affitto in nero di Tremonti? Una buccia di banana …”. Umberto Bossi, Ministro delle Riforme per il Federalismo.

29/07/2011 - "… Ho convenuto lo specifico conteggio di una somma a titolo di contributo, pagato via via per ciascuna settimana e calcolata in base alla mia tariffa giornaliera di ospitalità alberghiera … Comunque nessun 'nero' e nessuna irregolarità … Trattandosi di questo tipo di rapporto tra privati cittadini non era infatti dovuta l'emissione di fattura o vietata la forma di pagamento … L'ospitalità di un amico, presso un'abitazione che non riportava direttamente al mio nome, mi era sembrata la soluzione per me più sicura … Con il senno di poi ripeto, ho sbagliato …". Giulio Tremonti, ministro dell'Economia. Provate a commettere voi lo stesso “errore” e verificate la reazione dell’Agenzia delle Entrate.

03/09/2011 – Il caso Tarantini – Versati, secondo i PM di Napoli, almeno 850 mila euro rigorosamente in contanti - “… Ho solo aiutato una famiglia agiata con bambini, che adesso è in una drammatica condizione di povertà …”. Il Presidente del Consiglio. Quando il “caso Tarantini” era appena all’inizio, il Premier dichiarava in televisione di conoscere appena questo signore, di cui, usando la “tecnica Emilio Fede”, si faceva suggerire il cognome da un suo collaboratore, in quanto neppure lo ricordava correttamente.

Sono certo che i lettori interessati sapranno arricchire il breve elenco sopra riportato, contribuendo ad un ulteriore “risveglio” della memoria, presupposto essenziale per una presa di coscienza ormai indispensabile per tentare, tutti insieme, di scansare il baratro in cui il Paese sembra ormai destinato a precipitare.

Mi domando quanti ricorderanno, fra un mese soltanto o, addirittura, quando finalmente si voterà per le elezioni politiche, il travagliato parto dell’ignobile ed iniqua manovra economica che si sta realizzando in questi giorni. La riscrittura delle norme per almeno 4 volte, il “togli” e “metti”,  il “NO voto di fiducia", il “SI voto di fiducia", le proposte bislacche, l’improvvisazione, il dilettantismo, l’incapacità, l’assoluta mancanza del senso del ridicolo hanno mostrato, al mondo intero, le incommensurabili qualità di questo Governo di minchia. Il risultato? Dai 45 miliardi di euro iniziali si è arrivati a 55 o, secondo altri, a 57. Se ne saranno resi conto, gli italiani? O, meglio, ne manterranno memoria? Riporto, per concludere, altre due piccole “chicche” che, da sole, basterebbero a far dimettere chiunque, da qualunque ruolo e da qualsiasi carica, privata o pubblica. Chiunque tranne ESSO, naturalmente!

30/06/2011 - “… e ancora una volta, nonostante tutto, siamo riusciti a non mettere le mani nelle tasche degli italiani …”. Il Presidente del Consiglio.

13/08/2011 – “… Il mio cuore gronda sangue … Provvedimento equilibrato, ma è la prima volta che metto le mani nelle tasche dei cittadini …”. Il Presidente del Consiglio.

Ultimo aggiornamento Giovedì 16 Febbraio 2012 16:37  

Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information