Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Rivoli e la nostra SEL

E-mail Stampa PDF

Rivoli, come altre città della cintura torinese, sente in particolare la crisi della Fiat. Ma Rivoli, a differenza delle cittadine limitrofe, ha sempre avuto un livello discreto di diversificazione su altre realtà produttive oltre al settore automobilistico, componenti per varie produzioni, macchine utensili, settore informatico, elettronico, falegnameria, commercio e, naturalmente, artigianato variegato e in tutte queste aziende si lavora e si produce non solo per la nostra area, ma per l’Italia, l’Europa e per il mondo. Accanto a tutto questo sono decine le realtà cooperativistiche che occorre considerare in tutta la zona ovest. Questa realtà investe, in particolare ma non solo, il settore dei servizi. Interessante sarebbe pure verificare nel settore agricolo come e se si sta modificando tale realtà produttiva ed economica. Quanto lavoro conoscitivo occorrerebbe fare e quante proposte si potrebbero elaborare per dare un contributo e quanto questo accrescerebbe la nostra conoscenza nei confronti dei lavoratori e del mondo del lavoro, accrescendo di conseguenza anche il consenso del modo del lavoro nei nostri confronti. Siamo assenti … come gli altri.

Rivoli cresce, si sviluppa, si costruisce, si demolisce, modifica la sua struttura toponomastica, si modificano le strutture e le sue infrastrutture, si modifica l’economia della città e degli abitanti.

Si continua a costruire ovunque si crei un buco e i comitati di quartieri non intervengono e se qualcuno lo fa non è preso in considerazione; si consuma verde e terreno senza pudore e quello che si è scritto durante la campagna elettorale passa come al solito in cavalleria senza contare che a Cascine Vica si comincia a lavorare in questi cantieri il mattino presto disturbando anziani, malati e chi fa il turno di notte.

Sulla viabilità molto ci sarebbe da dire. Ci sono scelte che mi fanno pensare che in comune non tutti viaggiano con la testa sul collo, basta vedere la schifezza all’entrata e all’uscita dell’autostrada.

Rivoli si sta impoverendo. Sono in 2.500 ad avere hanno bisogno di tutto e mi piacerebbe sapere quali sono le iniziative per dare loro lavoro e non assistenza, le proposte di intervento che producano un ritorno anche economico.

C’è una Rivoli nascosta, quella dei giovani, dei disoccupati, dei cassa integrati, dei precari che non sanno dove andare, cosa fare la sera. Non ci sono punti d’incontro, di ritrovo, dove sia possibile socializzare e confrontarsi.  Ci sono i rifiutati di cui nessuno parla, i diversamente abili, i ragazzi drogati abbandonati, e i ragazzi della scuola che fuori dalla stessa contano le mattonelle per non uscire di testa e badate non è solo un problema di soldi … ci sono scelte politiche ed economiche che occorre fare. E dare alla cultura il posto che le compete.

La proposta che faccio è che tutti quelli che hanno a cuore la città si ritrovino per creare una diversa idea della città. Mettiamo quindi alla prova per primi noi stessi, e poi i Verdi, Rifondazione, Socialisti, IdV, il PD,  in particolare quei giovani stanchi di essere presi per i fondelli da partititi politici che si fanno vedere solo durante la campagna elettorale.

C’è molto da fare, occorre cominciare a dare seguito alle nostre parole belle; ma bisogna dargli le gambe e le braccia, la testa è già in città.

Solo allora potremo parlare davvero di SEL e non mi pare di aver detto cose fuori dal mondo. Almeno cominciare a discuterne, sarebbe già un passo in avanti …

Ultimo aggiornamento Venerdì 15 Gennaio 2010 18:48  

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna


Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information