Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Pena doppia e doppia pena

E-mail Stampa PDF

Anche chi, come me, ha sempre sostenuto la sostanziale continuità dell’azione politica del Matteo Renzi “figlio” con quella del Silvio Berlusconi “padre”, dovrà ammettere che con le maschie dichiarazioni di ieri a Lilly Gruber l’ex premier di Rignano ha scavato un baratro tra lui e l’ex di Arcore.

 

 

 

 

Il ventennio berlusconiano è segnato da innumerevoli leggi ad personam che avevano il solo scopo di togliere il premier dai pasticci giudiziari nei quali di volta in volta si era cacciato a causa di una magistratura incapace di adeguarsi al principio giuridico, fondamentale in una finta democrazia, che vuole il Capo legibus solutus. Ecco, invece, la novità: il rottamatore di Rignano, messo a dura prova ma non domato dalle notizie che giungono dall’inchiesta Consip, abbandonato l’abito del garbato giovanotto, con la bava alla bocca ha invocato pena doppia per il padre. Una misura ad personam anche questa, certo, ma che va nel senso opposto a quello delle pandette berlusconiane. Tocca ora ai suoi amici rimasti in politica – lui se ne è allontanato definitivamente, così come promesso, dopo lo schiaffo referendario – adoperarsi per ottenere in Parlamento la corsia preferenziale a un disegno di legge che preveda pena doppia per il reato di traffico di influenza (magari anche di corruzione) commesso da padre di premier, in carica all’epoca in cui si svolgono i fatti contestati. Caro Renzi, “ora parliamoci chiaro” come a te piace dire: hai smesso di menare per il naso tanti, troppi Italiani. Le tue parole suonano più vuote di una parete finta, più false di un pianoforte scordato. “Però c’è un punto” come a te ancora piace dire: fa doppia pena vedere quel giovane di buona creanza che eri, dalla lingua sciolta e dal piglio gaudentemente spocchioso, costretto a venir fuori così sprezzante e rancoroso.

Ultimo aggiornamento Sabato 04 Marzo 2017 23:07  

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna


Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information