Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Cara Raggi, caro Berdini

E-mail Stampa PDF

Cara Raggi, caro Berdini,

cara Virginia, sindaca eletta della capitale d’Italia, caro Paolo, urbanista di fama internazionale, aiutateci a capire dove sta la coerenza della politica, la dignità umana e professionale nell’insolito duello che avete ingaggiato.

 

 

 

 

Il 7 luglio del 2016 si insedia la giunta capitolina della sindaca Virginia Raggi, candidata del M5S e risultata vincente tre settimane prima nella corsa al Campidoglio. Tra gli assessori è Paolo Berdini, noto urbanista. Lo scorso 8 febbraio l’assessore dichiara a Federico Capurso della Stampa che la sindaca è “impreparata strutturalmente” e si è “circondata di una banda”. Berdini smentisce ma il quotidiano di Torino lo inchioda alle sue dichiarazioni con la registrazione audio delle sue parole. Berdini prova allora a dimettersi, Raggi respinge “con riserva” le dimissioni. Berdini prova a scagionarsi accusando il giornalista di non essersi fatto riconoscere e di aver rubato, addirittura contraffatto, frasi tra amici e viene ancora una volta smentito da un supplemento audio. Raggi, intanto, consulta i “vertici” del suo movimento. Non sa che fare. Le dimissioni restano respinte “con riserva”, si lavora alla formazione di un gruppo che affianchi e controlli l’assessore fedifrago. Oggi, 13 febbraio, Berdini si dichiara vittima di un complotto e si dice disposto a restare al fianco della sindaca Raggi che non ha ancora deciso la sorte dell’assessore ma sta per “perdere la pazienza”. Caro Berdini, cara Raggi, questo balletto è semplicemente disgustoso. Se Berdini pensa, e lo pensa perché lo ha detto, che la “banda” Raggi sia strutturalmente impreparata non si vede proprio perché dovrebbe farne parte; se Raggi pensa, e fa bene a pensarlo perché ne ha le prove, che Berdini la disprezza non si capisce perché debba tenerlo in giunta. Un po’ di coerenza, suvvia!, smettete entrambi una parte che non restituisce né credibilità né decoro alla politica.

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna


Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information