Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Stabilmente Renzi

E-mail Stampa PDF

Il governo Renzi può vivere ancora, anche sino al 2018. Chi potrebbe impedirlo? Le opposizioni interne al Partito Democratico ed esterne a questo partito, essenzialmente il Movimento 5 Stelle, non sono ancora pronte.

 

 

Le prime, la cosiddetta sinistra interna del PD, dovrebbero riuscire a spiegare agli elettori perché appoggiano Renzi pur contestandone per intero l’operato, financo sulle questioni di principio. La vicenda romana insegna, poi, che le qualità degli uomini non sono sempre in linea con il consenso elettorale che riscuotono. Grillo sa di non avere una classe dirigente in grado di governare l’Italia, anche al di là delle balorde gaffe del candidato premier in pectore, Di Maio, che in un colpo solo affonda in politica e geografia paragonando Renzi al dittatore “venezuelano” Pinochet. Una proposta, infine sensata, è venuta in queste ore da un altro dei direttorissimi di Grillo, Di Battista: un governo di scopo con il PD è possibile. Resta da capire quale possa essere lo scopo, se non lo si è trovato qualche tempo fa, all’epoca del Bersani, sprezzantemente il Gargamella (di ogni avversario politico va storpiata anzitutto l’identità). Allora forse ce ne era almeno uno: impedire a Renzi di diventare premier.

 

Quanto alla destra, quella più moderata non è solo un alleato di convenienza, del renzismo condivide idee e programmi; mentre quella di Salvini è fuori discussione, impegnata com’è a mimare Putin e Trump. A proposito di Trump, dovremmo preoccuparcene noi italiani? Probabilmente sì ma, per carità, non ne dica nulla il nostro ambasciatore a Washington. Il loro, quello americano in Italia, parla già troppo a vanvera. Si tranquillizzino i nostri principali alleati, la stabilità italiana è assicurata. Si metta in pace anche la cancelliera Angela Merkel, i tedeschi andranno al voto nel 2017 certi che in Italia tutto è sotto controllo. E se vince il no al referendum costituzionale? Il pericolo maggiore verrebbe dai mercati. Se non si cambierà la Costituzione come vuole Boschi gli investitori esteri fuggiranno dal Bel Paese: la balla più spaziale che si possa costruire a tavolino. L’economia italiana ha molti problemi e resteranno tali, con il sì e con il no. Il solo che potrebbe mandare casa Matteo Renzi è, in verità, Matteo Renzi. Se perdo il referendum lascio la politica e me ne torno a vita privata, così dichiarava tempo addietro. Ma c’è ancora qualcuno disposto a credere a ciò che Renzi dice?

Ultimo aggiornamento Mercoledì 14 Settembre 2016 16:35  

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna


Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information