Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Ciao Africa

E-mail Stampa PDF

E sì, lasciatemelo dire questa Europa, unita solo dalle banche, da interessi personali, di casta. E’ un’ EUROPA chissà perché affascinata, sedotta, sodomizzata dai ricchi dai potenti, dai grandi trust internazionali che decidono per il grande parlamento europeo, sui temi dell’’economia, delle industrializzazioni, degli investimenti, nei paesi poveri, ricchi, democratici e no.

 

In questa  Europa non c’è sviluppo, non si investe nella ricerca, e neppure sui temi della cultura, del suo sviluppo, della sua emancipazione, della  sua necessaria proliferazione, fra i ceti più poveri , niente pare smuovere questa sua apatia, dedita esclusivamente ad accontentare i potentati economici di questo vecchio continente atrofizzato e pieno di acciacchi, e se non fosse perché siamo, fortemente europeisti, ed amiamo il nostro bistrattato pianeta sarei quasi tentato, a chiederne il prepensionamento. Ma che volete noi “estremisti “ siamo convinti che molti problemi si potrebbero risolvere con maggiore volontà politica  con meno soldi e con maggiore attenzione verso i fatti del mondo,  una maggiore conoscenza attraverso l’utilizzo diverso, dei rapporti diplomatici fra tutti i paesi del mondo evitando di privilegiare un paese anziché un ‘altro, per ragioni prettamente economiche o di politica reale come si dice nella politica che conta, con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti,  con il rischio delle economie,  dei rapporti internazionali, e quindi degli equilibri internazionali e della pace. Abbiamo una Europa ceca, sorda, incompetente, e defraudata della propria autonomia, e delle proprie capacità intellettuali e decisionali. Una Europa paralizzata proprio dagli stessi interessi che intende rappresentare.  L’ Europa è governata da un blocco conservatore e reazionario, e non può certamente la Spagna con Zapatero dare il segno di ben che minimo cambiamento, anche perché certe sue scelte se pure interessanti, non trovano alcun riscontro, ne adesioni  nelle politiche di questa Europa. Non andrò certo a ricordare le scempiaggini continue  del governo europeo, l’ incapacità dei suoi orientamenti, delle sue intuizioni sono state dimostrate in questi giorni. Il MAGREB è in sollevamento completo, contro i dittatori sanguinari, sfruttatori servi del grande capitale internazionale,  sollevamento contro lo sfruttamento delle risorse del sottosuolo, delle risorse umane. La povertà di questi popoli ormai proverbiale, non ha scosso neppure un po’ le coscienze dei governanti dei paesi europei, tesi solo a criticare,ed a impedire con ogni mezzo l’emigrazione, di migliaia e migliaia di poveri diseredati, in fuga dalla miseria, dalla guerra dalle repressioni dalla morte quindi, e tutti si fanno moralisti,dimenticandosi persino di essere stati  loro ad aver messo sugli scranni del potere gli uomini di  loro fiducia per i loro interessi economici pur conoscendo molto bene quanto essi fossero criminali, sanguinari , dittatori e quindi antidemocratici, quelli che stanno riempiendo le spiagge di morti trasformando i luoghi di svago in macabri cimiteri e senza intervenire sulle radici, sulle motivazioni reali che hanno indotto e inducono i poveri a scappare dalle loro terre dai loro affetti, dalle loro tradizioni. Io non credo che nessuno si sia accorto di quanto stava accadendo ed accaduto in queste terre ricche di cultura di tradizioni e di storia da cui  tanto è molto abbiamo assorbito anche noi terra d’occidente. Penso che come al solito si è fatto orecchie da mercante, ma se  fosse vero che nessuno ha capito niente il problema è ancora più grave, significa che il polso della situazione internazionale ed in particolare delle coste africane , è scappato dalle sensibilità  dei consolati, dalle politiche delle diplomazie internazionali  ed europee in particolar, il che significa che tutto ciò  che  è più di aberrante, di ingiusto, di anti democratico, di violento, di dittatoriale si  è realizzato  o poco importa e interessa alle cosi dette democrazie avanzate.

Questo è un segnale pericoloso, altro che battaglie per favorire  la proliferazione dei diritti umani! è pericoloso per noi , per loro, per la pace, per la democrazia, e per il benessere. Occorre un progetto di nuova democrazia ,  di nuovi rapporti, con i paesi delle coste mediterranee, e col mondo intero, ma soprattutto occorre un progetto economico tale da diversificare le fonti di energia privilegiando le fonti di energia riproducibili che poco o niente incidano sul territorio. Essere portatori sani di democrazia facendo in modo che  si modificano i rapporti che si realizzano fra l’Europa e  gli stati di questi paesi.  Non si baciano le mani ai dittatori ai sanguinari. i movimenti di lotta contro gli oppressori si sostengono intervenendo a trecento sessanta gradi senza aspettare indicazioni da parte di nessuno evitando soluzioni che favoriscano quanto è accaduto con stermini organizzati, fomentati, finanziati dai criminali che si sono arricchiti in modo vergognoso commerciando il petrolio e lasciando le proprie popolazioni nella fame nella miseria, nell’ignoranza costringendoli così ad abbandonare le loro patrie per non morire di fame. E ora  che siamo comunque vadano le cose, alla resa dei conti, gli stessi stati  europei dopo aver lanciato il sasso nascondono la mano, e si tirano indietro nell’ intervenire nei tempi e nei modi necessari. Un immobilismo preoccupante e pericoloso. Ma se da un lato la nostra vecchia Europa nei fatti non ha la testa per gestire una situazione così grave  dall’altra parte le opposizioni europee non hanno ne idee ne voglia, di assumersi questo problema come un problema proprio, dei più poveri, dei nulla tenenti, un grave problema sociale che investe  e investirà sempre di più il mondo inteso come villaggio  globale e fa molto male. Quando i popoli scappano dalla fame , dalle ingiustizie,  non può fermarli nessuno neppure i carri armati e questo lo imparerà molto presto persino quel criminale di Gheddafi.

 

Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information