Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Il pensiero laterale

E-mail Stampa PDF

Chiediamo scusa ai nostri lettori e al Gangemi se per una volta tanto violiamo la regola della prima pagina che vuole ogni nuovo articolo rimanere in evidenza per un paio di giorni. Però talvolta la cronaca ha priorità. Grazie.

La redazione

 

In mezzo ai tanti articoli scritti in memoria di Steve Jobs vi segnalo questo apparso su Repubblica on line che ho trovato particolarmente interessante.

Steve Jobs era buddista: la sua ricerca spirituale è iniziata in quel clima di fermento degli anni '70 che lo portò prima in India e poi in Giappone dove praticò il buddhismo zen.

Mi ha colpito nell'articolo l'incoraggiamento ricevuto nel monastero (dove forse all'epoca voleva rimanere) a misurarsi nel mondo, addirittura in un business emergente ma complesso come era l'IT all'epoca.

Nell'articolo si cita anche la meditazione camminata che Steve Jobs era solito fare ogni mattina prima d'intraprendere la sua giornata lavorativa.

E' chiaro che una persona così visionaria (che ha fatto saltare modelli comportamentali e fatto emergere nuovi bisogni) non era (solo) un genio del marketing o un guru high tech. Era una persona con una grande capacità di "centrarsi" interiormente e di far emergere quelle potenzialità del cervello che una mente logico-sequenziale per quanto brillante non è in grado di fare.

D'altra parte è ormai appurato con esperimenti scientifici pubblicati che la meditazione è in grado di influire e modificare la morfologia del cervello.

Apple s'invento lo slogan "think differently" utilizzando nei propri spot filmati e discorsi originali di Gandhi e M. L. King. All'epoca mi arrabbiai un poco  perchè mi sembrava ingiusto utilizzare quei personaggi per un'attività commerciale.

Ma in effetti, al di là dell'azzardo pubblicitario, Jobs pensava veramente in modo differente visto che i suoi (e della Apple) successi sono venuti dopo due momenti di grande crisi: la prima quando fu "licenziato" e la seconda quando scoprì di essere malato di cancro. Sicuramente conosceva il principio buddhista del "cambiare il veleno in medicina".

Ultimo aggiornamento Venerdì 07 Ottobre 2011 07:33  

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information