Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Le emozioni al tempo di Internet

E-mail Stampa PDF

Uno studio condotto dall’Advanced Language Semantics and Emotional Representation Group (ALSERG) della Myrose State University a San Vincente CA, tratta dell’arricchimento semantico dei messaggi, degli elementi insomma che costituiscono le unità di scambio dell’informazione tra esseri viventi e, in particolare, degli umani. Mentre per cani e gatti sembra tutto molto facile, per gli umani, esseri notoriamente inferiori, esiste il problema determinato dalla rigida sequenzialità temporale imposta dalle aree del cervello che si occupano di linguaggio e dalle limitazioni semantiche proprie del linguaggio stesso (come esprimere le emozioni?); gli autori dello studio definiscono con il neologismo “blinkness” (probabilmente ispirati dalle stesse fonti citate da questo articolo di Mirò) la capacità di superare all’istante tali limiti, veicolando nell’emisfero cerebrale destro del partner comunicativo un immediato contenuto di informazione in grado di suscitare emozioni non facilmente evocabili da un corrispondente flusso linguistico o testuale faticosamente sviluppato nella dimensione temporale e irrigidito da un lessico predefinito. Si tratta in realtà di concetti non nuovi, alla base del successo che sempre ha avuto, ad esempio, una forma di comunicazione evocativa come la poesia. Gli autori citano l’esempio degli haiku, componimenti poetici di sole 17 sillabe in grado di scatenare tzunami emozionali che vanno ben al di là del contenuto informativo letterale: “La luna nueva. Ella también la mira desde otra puerta” dice al mondo un Jorge Louis Borges momentaneamente catturato dall’estetica giapponese, significando la comunanza con l’amata della meraviglia della luna nuova, che trascende del tutto il trascurabile particolare che essa (l’amata, non la luna) è presumibilmente lontana (lei pure la guarda da un’altra porta).

Il contesto non è casuale, perché i più desiderosi di comunicare emozioni sono ovviamente gli innamorati, come ben sa il povero Cirano costretto a ricorrere all’aiuto delle capacità poetiche di Cristiano per conquistare il cuore della bella Rossana. Analogamente da sempre nella tradizione popolare si ricorre all’uso dell’orchestrina per la serenata sotto le gelosie dell’amata: la musica, infatti, come la poesia, ha un forte potere evocativo, malgrado la sua struttura sostanzialmente sequenziale.

La novità, secondo i ricercatori dello ALSERG, consiste nel fatto che quello che un tempo era possibile solo a ricche classi dominanti in grado di prezzolare poeti ed orchestre al fine di massimizzare il proprio successo riproduttivo, è ora democraticamente alla portata, grazie ad Internet, di chiunque. Gli autori propongono, al fine di dimostrare la loro tesi, uno “user scenario”, tipico paradigma dell’ingegneria del software, in cui vengono su un palcoscenico virtuale fatti recitare degli attori anch’essi virtuali, che si impegnano in “use case” che corrispondono a  transazioni vere nella vita reale. In questo caso, i due corrispondenti di un interscambio informativo tipico di una relazione affettiva, con use case caratteristici di essa. I due usano Internet, e quindi hanno accesso ad una infinità di contenuti musicali e visivi, insomma multimediali. Le forme di comunicazione sono due: una pubblica (la piazza del villaggio, il salotto di casa, insomma l’agorà) rappresentata da Facebook, l’altra, privata, che consiste nello scambio di una serie di mail, che sostituiscono le tradizionali lettere profumate di una volta. La forma pubblica si gioca su un doppio livello semantico: i contenuti comuni alla piazza, assumono un significato particolare per i due, in base al contesto specifico da essi condiviso: quello che per tutti è neutrale, ad esempio il tifo per una squadra di calcio, per i due assume una valenza semantica specifica, di complicità, dato che per quella squadra avevano già condiviso in privato considerazioni ed emozioni.

Più complessa la struttura comunicativa della forma privata: i messaggi sono arricchiti da link a Youtube (o a siti analoghi)  e sono grosso modo classificabili in due grossi gruppi: richiami a canzoni (tunes nel linguaggio californiano degli autori), evocatrici di particolari stati d’animo, o a brevi sequenze di film, che, per loro natura, richiamano l’attuale stato della dinamica della relazione. Dobbiamo quindi immaginarci una mail in grado di veicolare istantaneamente emozioni, una mail arricchita (da tutto ciò il termine rich mail), alla base di una esperienza comunicativa impreziosita da inattese valenze semantiche su fronti non direttamente dominabili dal linguaggio (la cosiddetta rich experience). Nel seguito, elenchiamo alcuni esempi di arricchimento semantico tratti da alcuni use case relativi al secondo gruppo (vi riparmiamo quelli del primo in quanto per tutti - ma non ovviamente per i diretti interessati - stucchevolissimi per sdolcinatezza):

amore, non sono d’accordo

amore, era ora!

amore, scusami!

amore, mi hai mai tradito?

amore, ora ho capito

amore, sei stato un po' goffo ieri sera

amore ti prego stai attento!

Che conclusioni trarre da tutto ciò? Che l’animo umano è sempre lo stesso, e che quello che cambia sono solo le tecnologie, che però restano al servizio dei sentimenti di sempre.

A questo punto, dopo tanta lezione, vorremmo anche noi provare quanto appreso. Dato però l’orientamento dei nostri lettori, non possiamo che proporre una rich experience altro che in chiave strettamente politica. Abbiamo reso l’idea?

Ultimo aggiornamento Lunedì 29 Agosto 2011 15:14  

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information