Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Noi italiani nell’era del digitale terrestre

E-mail Stampa PDF

Ci hanno triturato i malleoli per mesi e mesi per esaltare il digitale terrestre, un perfetto entusiasmo che solo gli imbeccilli  rappresentanti del nostro governo potevano avere ed hanno.  Loro, i fautori del progresso hanno sempre tuonato contro tutti coloro che esprimevano dubbi sulla utilità di questa nuova strada dell’etere, basta con la vecchia televisione via cavo, troppo costosa e vecchia e via al digitale, più programmi, più scelta, quindi più divertimento e più libertà. Hanno trovato il sistema per far fare i soldi ai loro amici industriali, per vendere nuovi televisori, obbligare la gente a comprare i decoder che qualcuno vende in ogni modo, sia per inserirli negli apparecchi e sia sfusi come si faceva con le sigarette nazionali di una volta. E se andiamo a vedere chi sono i signori che vendono decoder e televisori scopriamo che in mezzo a questi signori è iscritto, ma solo per caso naturalmente, anche il fratello di colui che noi non nominiamo … non si può ... Cosi fecero anche per i calcolatori per gli euro, è vero che venivano regalati ma venivano comprati dal governo da aziende collegate con colui che è. Davvero Lui è da per tutto quando si parla di soldi.

Così come ci è capitato con il digitale che ci è costato alla fine una barca di soldi che sono finite nella mani dei soliti. E che però è risultata una vera schifezza. Io avevo sentito parlare del sole a quadretti ma di una televisione a quadretti stile kilt scozzese non ne avevo mai sentito parlare, però l’ho visto e continuo a vederlo e chissà se a furia di miracoli ed eventi epocali alla fine non ci appaia la famosa madonnina di LOURDES che noi amiamo e adoriamo ma non vorrei che ce la facciano vedere fra le veline già parlamentari o durante un discorso (lo chiamiamo così per rispetto alla TV Nazionale) dell’innominabile. E non è bastata neppure la vittoria di Cota in Piemonte a far migliorare la ricezione del digitale terrestre in questa regione, un vero peccato, però ciò dimostra che il nostro  Zorro di turno non guarda in faccia a nessuno. E così mentre a noi piemontesi viene negata la visione di una partita della nostra nazionale di calcio le televisioni del nostro Dux si vedevano una bellezza. Tra l’altro se pure i nostri calciatori non stiano facendo una gran che bella figura NOI TIFIAMO ITALIA ma non diciamo ?????? Italia, diciamo e tifiamo ITALIA e se pure rispettiamo i nostri avversari vogliamo che i nostri italiani e non padani (che non esistono tra l’altro come entità etnica) vadano avanti il più possibile e magari vincere alla faccia di Bossi e dei suoi sgherri.

Ma ci viene negato il diritto dovere di seguire la nostra Nazionale perche vittime delle schifezze  che combinano i nostri eroi dei cartoni animati. Ancor di più se consideriamo che le novità che ci erano state promesse non solo non ci sono, ma quello che hanno inserito sono la sintesi delle schifezze sia in termini di programmi per le famiglie sia dal punto di vista culturale e ricreativeo, per non parlare dei programmi fatti per bambini che invitano alla idiozia più completa. Complimenti un bel lavoro.

Così chi ha voluto vedersi la partita è dovuto partire per Città del Capo, bene bene … non c’è limite all'indecenza e neppure alla vergogna: è la domanda che ci facciamo noi italiani che abbiamo votato questi paraculo. Ma perché pagare il canone? Per lasciarlo nelle mani di chi ha quattro o cinque televisioni? DOBBIAMO DIFENDERE LA TV di stato, un patrimonio e un mezzo che dobbiamo difendere perché diventi uno strumento di diverse divulgazioni e a  beneficio di tutti. Lui non è d’accordo, vuole tutto … facciamogli cambiare idea e se poi non guarderemo la nostra nazionale sarà una nostra scelta e non del duce onnipotente e prepotente ma abbastanza ricco per prendere l’Italia per il culo.

 

Ultimo aggiornamento Domenica 20 Giugno 2010 23:10  

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna


Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information