Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

La Santa Prescrizione.

E-mail Stampa PDF

Da ragazzo mi ero fatto una certa idea della legge e della sua applicazione. Una descrizione che ai tempi aveva la pretesa di essere considerata dotta, e che girava sulla bocca dei non molti avvocati di allora, la paragonava ad una certa zona del corpo umano, diciamo così, non aggiungo altro, molto elastica.

Insomma, si trattava di un detto certo goliardico, ma che, nel contempo, rendeva a tutti l’idea di quanto, realmente, la legge fosse interpretabile e quindi pure diversamente applicabile.

Nonostante l’irriverenza del paragone, mai si arrivava però a stravolgere esageratamente i concetti giuridici, i principi di legge ed il senso stesso dell’attività giudiziaria, sui quali, anzi, si assisteva a confronti, a gare di raziocinio tra i cultori del diritto.

Ora qualcosa deve essere cambiato. E in peggio.

L’esito della seduta di ieri della Corte di Cassazione, in merito al processo Mills, ci ha reso uno spettacolo molto grottesco di certe letture giudiziarie attuali, senza limiti, senza contenimenti. Una prescrizione è una prescrizione, tant’è che vorremmo sapere da Ghedini a che titolo Mills è stato contemporaneamente condannato a risarcire la Presidenza del Consiglio per 250.000 euro. Può essere un sollievo per chi ha commesso un reato, perché non sconta la pena, ma, nonostante che il concetto sia alla portata di tutti, è straziante sentir gridare vittoria da parte di chi, grazie peraltro ad un adattamento su misura (la legge Cirielli che ha ridotto, con lungimiranza, i tempi della prescrizione), protesta addirittura la propria innocenza, fuori da ogni logica processuale, direi eversivamente.

Il gangemiano “Colui-…” è stato bonificato per ben quattro volte dalla prescrizione (Lodo Mondadori, All Iberian, falso in bilancio Fininvest e caso Lentini), ora qualcosa è andato storto, le parti si sono invertite, Mills prescritto e lui di fronte a un grattacapo.

Anche Agelino Alfano mi sembra parecchio smarrito e intrigante. La sua interpretazione di ministro appare sempre più curiosa.

Superfluo aggiungere che la tecnica, solita, è quella di dare del talebano agli altri.

Ultimo aggiornamento Sabato 27 Febbraio 2010 22:20  

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna


Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information