Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Informazione e comunicazione

Riforma sanitaria Obama e Single Payer

E-mail Stampa PDF

Pubblichiamo il testo dell'intervista di Pina Piccolo a Jim e Suzanne Cowan, attivisti del movimento per il sistema sanitario Single Payer.

Finiti in prima pagina del New York Times in una foto  scattata il 29 maggio in una manifestazione a San Francisco che li ritraeva con il loro sintetico e punzecchiante cartello in polemica con Nancy Pelosi per il suo netto rifiuto a mettere sul tavolo delle trattativa il Single Payer Health Care Plan, Jim e Suzanne Cowan sono  due agguerriti attivisti statunitensi che hanno combattuto tutte le grandi battaglie del movimento progressista degli ultimi 45 anni.  Il piano che promuovono per creare un sistema sanitario universale o semi-universale che non sia principalmente a scopo di lucro prevede un singolo fondo, creato imponendo tasse ai settori più ricchi della popolazione,  che copre le spese relative a dottori, ospedali e altre strutture che forniscono servizi medici. Questa intervista è frutto di una chiacchierata di tre ore con loro svoltasi a Roma a fine agosto.

Ultimo aggiornamento Sabato 17 Aprile 2010 08:33
 

Lettera di don Paolo Farinella

E-mail Stampa PDF

Lettera di Berlusconi al Papa sulla pedofilia 

e Prolusione di Bagnasco sul voto

di Paolo Farinella, prete

 

A.Ci mancava, oh, come ci mancava!

Genova  22 marzo 2010. - Il presidente del consiglio italiano, Silvio Berlusconi, si complimenta con il papa per la lettera agli Irlandesi sui preti pedofili: Benedetto XVI «è chiamato a confrontarsi con situazioni difficili, che diventano motivo di attacco alla Chiesa e perfino alla sostanza stessa della religione cristiana». Poverino! non riesce a pronunciare la parola «pedofilia». Si è sforzato, ma non ci riesce perché dovrebbe parlare di «sessualità scomposta» e abnorme perpetrata in luoghi e sedi istituzionali, esattamente come ha fatto lui, a dispetto e dileggio di quella morale cattolica di cui ogni giorno fa i gargarismi in pubblico, mentre in privato ne fa strage. Non può parlare di «sesso», lui che, mentre inneggia «alla sostanza stessa della religione cristiana», frequenta prostitute a pagamento dietro compenso in denaro e in posti in parlamento o al governo e dalla moglie è condotto in giudizio per separazione per colpa. Scrive al papa perché, da ruffiano qual è, vuole ingraziarselo.

Ultimo aggiornamento Sabato 27 Marzo 2010 09:37
 

Google: il peggiore dei futuri possibili?

E-mail Stampa PDF

Prima di esserne sollecitato dal tirannico direttore dello sbavaglio, vorrei pubblicare un articolo su quella che oggi sarà, con ogni probabilità, la notizia più importante di Internet (già prevista dal calendario Maia): Google lascia la Cina (spegnendo i server e dirottando il traffico su Hong Kong). Vorrei però anche cogliere l’occasione per parlarvi di un possibile futuro terrificante, potenziale conseguenza finale degli tsunami che stanno attraversando l'universo dell'informazione: per cui, state in linea e continuate a leggere!

 

Ultimo aggiornamento Martedì 23 Marzo 2010 22:58
 

Il capo del governo e il suo popolo

E-mail Stampa PDF

Abbiamo ieri pubblicato questo brano che ci era stato segnalato come integralmente tratto da Elsa Morante, Opere, vol. I, Mondadori (Meridiani), Milano 1988, L-LII. Purtroppo abbiamo successivamente potuto verificare che il brano era stato, sia pure lievemente, arrangiato a supporto della tesi di parallelismo storico tra Mussolini e Berlusconi. Un'operazone che non può essere da noi accettata e che deploriamo. Lasciamo l'articolo, così introdotto, in vetrina per scusarci con i lettori (NdA).

"Il capo del Governo si macchiò ripetutamente durante la sua carriera di delitti che, al cospetto di un popolo onesto, gli avrebbero meritato la condanna, la vergogna e la privazione di ogni autorità di governo. Perché il popolo tollerò e addirittura applaudì questi crimini? Una parte per insensibilità morale, una parte per astuzia, una parte per interesse e tornaconto personale. La maggioranza si rendeva naturalmente conto delle sue attività criminali, ma preferiva dare il suo voto al forte piuttosto che al giusto. Purtroppo il popolo italiano, se deve scegliere tra il dovere e il tornaconto, pur conoscendo quale sarebbe il suo dovere, sceglie sempre il tornaconto.

Ultimo aggiornamento Martedì 16 Marzo 2010 08:28
 

Anno zero

E-mail Stampa PDF

Molti di noi si guardano attorno allibiti, basiti, qualcuno sente di vivere un incubo, altri pensano di stare a guardare un film chiusi in un cinema, forse è un film di fantapolitica o addirittura un film di terrore o un giallo dove il colpevole si intuisce sin dalle prime mosse. Siamo anche in un film di fantascienza dove il tempo per qualche motivo si è fermato, anzi no, siamo addirittura tornati indietro. Ma noi dello Sbavaglio sapevamo che il Marmittone aveva capacità miracolose, avevamo preconizzato che Bombardone avrebbe ben presto fatto tornare indietro il Paese sino al punto di specchiarsi nel fascismo più becero, dalle leggi razziali al divieto di produrre documenti e spettacoli che critichino il regime o mettano anche solo in discussione le scelte di Sua Eccellenza.

Ultimo aggiornamento Domenica 14 Marzo 2010 20:38
 


Pagina 10 di 13

Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information