Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

In onore della contessa di Castiglione: è recessione

E-mail Stampa PDF

Se pure non avevamo  nessun bisogno di  conferma, con questa manovra è ufficiale, è recessione, legalizzata, organizzata, voluta, e poco importa se a pagare come al solito saranno quelli che da sempre pagano. Noi dello sbavaglio lo sapevamo così come tutti. Ormai da anni abbiamo denunciato, analizzato e studiata la situazione e persino noi, non certo studiosi per professione, avevamo proposto alternative, ragionevoli, democratiche, e condivisibili: era necessario applicare la politica della discriminazione democratica toccava a quelli che più hanno, dare di più per salvare il paese per capire davvero se a questi lestofanti amanti della bella vita, a danno dei più poveri, e da sempre, l’Italia sta a cuore.

Non è così non lo è mai stato e mai lo sarà. Si sono guardati bene da operare nel campo dell’evasione fiscale, nel tassare i beni di lusso e superflui, mentre milioni di Italiani non solo non arrivano alla fine del mese ma sono in condizioni di povertà da terzo mondo, in questa “sporca manovra” non  v’è nulla che riporti almeno un pensiero ai giovani, al lavoro, alle donne, agli anziani, ai lavoratori in genere, niente che dia un senso ad una prospettiva anche solo parziale alla ripresa, allo sviluppo , al nostro futuro ma ancor di più per i nostri figli e per il nostro disgraziato paese … forse sin troppo civile e con scarso senso critico, e bassa sensibilità alla necessità di un vera e propria rivolta verso un governo ed una classe politica degna di una fine fatta a suo tempo dai regnati francesi nel 1789, e non voglio ricordare la rivoluzione d’ottobre a cui sarebbe doveroso pensare, anche se poi è finita come tutti sappiamo. Con questa magnifica porcata sono riusciti a fare quello che la nostra consunta sinistra, non era mai riuscita da almeno 20 anni e cioè a dividere il fronte di questa destra becera e guerrafondaia, oltre che reazionaria. Dal sindaco di Roma al governatore dei lumbard, è vero hanno eliminato qualche provincia ma il grosso sta ancora là, a dimostrare  che per tutti è importante garantirsi un futuro da fannulloni e portaborse, e a nessuno, neppure  a Di Pietro che soffre di miopia congenita e di strabismo, gli è venuto in testa che forse la riduzione dei parlamentari poteva dare un segno tangibile di una pur velata volontà di ridurre davvero lo spreco, ma  da uno che vede luci e ombre, non ci si più aspettare un roseo futuro. Si sono tagliate risorse in tutte le strutture sociali che devono garantire sanità, trasporti, giustizia,comuni, regioni e quant’altro in settori già già barbaramente assaltati e ridotti alla miseria, obbligando gli stessi a dover mettere vergognosi balzelli agli strati più poveri e  indigenti del paese aggiungendo povertà a ingiustizia. Tutti saremo vittima di questa tassa sul macinato, lo spettro di Quintino Sella si ripropone in tutta la sua iniquità E’ LO STATO SOCIACIALE CHE SCOMPARE    e  i ricchi i potenti gli sfruttatori non vengono mai toccati e ancora meno le banche e i mafiosi e i loro interessi, non vogliono tassare i beni e i proventi dei ricchi poiché hanno timore che scappino a all’estero, ma quelli all’estero i soldi ce li hanno già portati, in Svizzera, mentre l’innominato si impegnava a fare leggi per salvarsi dai processi, e dalle sue schifezze. E poi uno stato intelligente quando vede un proprio cittadino che porta all’estero il sudore e e il frutto del lavoro  del proprio popolo ha il diritto dovere di arrestarli, poiché questa dalle mie parti si chiama evasione legalizzata, altro che chiacchiere. E sono condannati a morte donne , giovani anziani , bambini, la scuola, l’università, la ricerca, il futuro intero del nostro paese. Occorre ribellarsi senza se e senza ma.

 

Non trovano altro da fare che attaccare i contratti collettivi di lavoro, demolire quel poco che resta dei diritti dei lavoratori, favorire la contrattazione aziendale di vecchio stile mafioso, allargare la contrattazione Fiat a tutto il paese come se questo  fosse la manna dal cielo, Marchionne  il nuovo messia della minchia, ma non è così lo dimostra il fatto che questa crisi sta colpendo e non poco la patria del capitalismo,e dello sfruttamento ormai da molto tempo ed proprio da quel paese sono partiti gli strali che stanno portando il mondo alla deflagrazione economica. Il difetto sta nel manico, nelle banche, dai grandi industriali, dalla globalizzazione  e negli stati che lo hanno permesso senza stabilire regole di mercato diverse e capaci di impedire le grandi speculazioni che si ripeteranno,  ancora senza soluzione di sorta e ancora ruberanno soldi alla povera gente per salvare i folli e i criminali che gestiscono banche ed economia. Le banche hanno comprato i debiti degli stati e adesso presentano il conto e con due euro si compreranno  quello che resta di questa Europa di pezzenti, stupidi, reazionari, incapaci di darsi una autentica politica economica e ciò  ha creato le premesse, per distruggere le industrie produttive di ricchezze e di beni necessari per lo sviluppo e per la crescita dell’umanità. Ora sarà recessione mondiale è c’è poco da stare allegri.

Ma noi siamo ancora migliori, si fa per dire, abbiamo già speso 90 miliardi di euri e non si è investito in solo euro per il lavoro, nè per il presente nè per il futuro Questo provoca recessione, le chiacchiere stanno a zero, e non vi è stato neppure un cretino vestito da festa che ha messo anche solo in discussione le spese militari che il nostro governo ma anche l’opposizione, guerrafondai  di professione, sostengono per sorreggere alleati non si sa bene di che cosa … ma si può essere più imbecilli? E si noi si. Ma non voglio dilungarmi, avrò, se me lo permetteranno altre occasioni. Sono convinto che questa manovra criminale non servirà a nulla, in Europa non sono poi tanto scemi poiché nulla è stato messo in conto per la ripresa questi verranno sicuramente a battere ancora  cassa poiché giustamente non si fidano di questi cialtroni, e l’Europa non ci chiesto solo sangue e lacrime ci ha chiesto anche un programma per la ripresa Qualcuno l’ha visto?

Adesso però dobbiamo affrontare un’altra preoccupazione l’innominabile ha detto che il Suo cuore sgorga sangue, meno male che la consorte di Napoleone III°  è passata a miglior vita già da diverso tempo, perché altrimenti gli avrebbe detto che ha il cuore troppo in basso, come disse alla famosa contessa di Castiglione, la quale in questo caso si rivolterà nella tomba dopo tanti anni c’è qualcuno che intende toglierle il primato … tranquilla mia dolce signora Esso quel tipo di cuore lo possiede anche nel cervello … ma a quel tempo come lo chiamavate il Coglione?

Ultimo aggiornamento Domenica 14 Agosto 2011 18:38  

Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information