Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

I maggiorenni

E-mail Stampa PDF

Sabato sera Basettoni voleva a tutti i costi andare al cinema, la sua ragazza tentava di dissuaderlo, poichè tutte volte che va al cinema, soprattutto se ci va di sera, lui il pupo si addormenta durante la proiezione, e russa disturbando tutti, ma questo sarebbe il minimo il fatto grave è che non si sveglia, e la bella e prorompente fidanzata deve riportarlo a casa praticamente in braccio. Se pure donna robusta in salute non gradisce questo sforzo supplementare e per un ministro della repubblica non è una bella pubblicità soprattutto dopo aver proposto che tutti i diciottenni escano da casa al compimento della maggiore età.

Il ragazzo voleva festeggiare la sua proposta e il consenso naturale ricevuto, da tutti i suoi consanguinei, il Papi, IDEA fix, Giulio, Homer, il Puccettone, Cicco, Bona, Arturo, l’associazione delle teste di legno, la lega dei nuovi cervelli dispersi e il presidente della confraternita dei palombari ricercatori sostanza grigia Prof. Dott. Ing. Cav. Teofilatto Tofanio dall’orinale docente all’università di Brancaloni, studioso altresì di defecatio isterica specialità nuova, materia di studio inserita appunto ultimamente dalla riforma Gelmini. Dopo molta insistenza e coccolando la sua amata Basettoni è dovuto ricorrere a tutta la sua esperienza di amatore, e fra una coccola e l’altra alla fine sono finiti a far l’amore sul divano di mamma perché lui il giovin virgulto vive ancora con la sua mammina…tesoro! Mamma Mafalda non deve aver gradito la manifestazioni amorose dei due piccioncini tanto da invitarli a uscire da casa, quelle cose non si fanno in casa della mamma e con tutti quei muggiti poi, quello il pupo non geme muggisce e sveglia sempre ADOLFO il pastore tedesco che quando comincia ad abbaiare non lo ferma nessuno. Cosi come si trovava, il povero Basettoni è dovuto uscire spettinato, sembrava un porcospino (già di suo non è che sia poi così ordinato sembra sempre appena uscito dal letto) la cinghia dei pantaloni slacciata, e un cioccolatino in bocca rubato alla vola dal contenitore che sta sul mobiletto dell’entrata. Sono scesi così dalle scale velocemente, la ragazza elegante, bella e vaporosa come sempre e lui sembrava scappato da un cimitero spaventato e impaurito. Avreste dovuto vederli, lei, la fanciulla teneva per mano il putto che la seguiva a fatica, con i guantini la sciarpetta che sventolava per il vento che fischiava, sì è fermato per comprarsi il lecca lecca e i pop corn se li porta sempre quando va al cinema e non può mancare la girandola gli piace soffiare e farla girare è un giocherellone che volete. Quella povera ragazza non sapeva più, dove metter la faccia… ma se c’è l’amore … Hanno avuto un po’ di discussione per il film che dovevano andare a vedere, lui era ancora infoiato e voleva andare a vedere un film un po’ spinto dal titolo, le avventure erotiche di Super Pippo, lei più romantica optava per i Manga giapponesi alla fine hanno deciso per andare a vedere le notti segrete del cavallier ruspante prodotto dalla penta film naturalmente. Hanno preferito farsi una passeggiata le due colombe, solo che durante il tragitto per quella povera ragazza è stato un calvario, quel monellaccio saltellava come una molla e ogni tre minuti. Inciampava sui gradini del marciapiede, cadeva ripetutamente, ha preso tanti di quegli scappellotti che il capocollo è diventato paonazzo, letteralmente una peste (Noi le sappiamo queste cose). Finalmente sono arrivati al cinema, davanti alla biglietteria per la fanciulla non vi sono stati problemi, ma vedendo l’accompagnatore che puntava i piedini e si tirava su con le manine per guardarlo in faccia, il bigliettaio gli ha chiesto i documenti. Lui ha cercato ha guardato da tutte le parti, in tutte le tasche, nei guantini, sul lecca lecca nei pop corn ma niente alla fine si è ricordato della fretta che ha dovuto usare per uscire da casa, e con innocenza disarmante ha detto: Li ho lasciati a casa di mamma. E il bigliettaio di tutta risposta con voce alterata gli ha risposto…O! Ragazzino basta con queste stronzate! SAREBBE ORA CHE LO DICIAMO ANCHE NOI… NON vi PARE?

 

Ultimo aggiornamento Domenica 24 Gennaio 2010 20:17  

Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information