Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Gli infettati

E-mail Stampa PDF

Sono centinaia di migliaia gli uomini e le donne che si sono cimentati in politica, nelle sue variegate diciamo così espressioni e ai vari livelli, e ve ne sono altrettanti che hanno dovuto rinunciarci perché, oltre certi limiti, non gli è stata data la possibilità di esprimersi in tutto il loro potenziale, culturale e propositivo; ci sono stati e ci sono ancora dei limiti che per un certo tipo di attivisti, questo limite è diventato e diventa invalicabile, e non è solo un problema di cultura, di esperienza politica che pure deve esserci, prima di assumere responsabilità ai vari livelli istituzionali.

Ci sono poi i politici di cui siamo persino a conoscenza, che non solo non hanno dialettica ma peccano di memoria storica, di cultura politica, di esperienza, di conoscenza stessa dei problemi reali e, anziché confrontarsi direttamente con gli interessati, si limitano a scimmiottare l’avversario politico sino ad emularlo, addirittura nelle sue consuete o inconsuete incongruenze, realizzando così una sorta di corsa alla stupidità, vivendo così alla giornata senza alcun progetto per il futuro, senza creatività progettuale. Sperare da questi un progetto per un diverso tipo di società, che non sia la solita solfa, diventa come cavare sangue da una rapa. Pensare di poter cambiare dall’interno questi monoliti del malcostume è una impresa inutile, e dall’esterno ti prendono per un don Chisciotte senza mete ne confini. Purtroppo tutti i partiti presenti in Parlamento da un bel pezzo hanno esaurito la loro spinta propulsiva, ideale e politica, e l’unico modo per rinnovare la classe politica è dare spazio e voce a quelle forze nuove se pure piccole e apparentemente insignificanti esprimono nuove e vecchie esigenze della società. Il quadro attuale delle forze politiche presenti è quanto meno devastante e non c’è un solo partito che non sia implicato in storie di malaffare, ad ogni livello della economia, lecita ed illecita, legami con camorra, mafia, malaffare, il germe del potere ad ogni costo, l’infezione dei soldi, dell’influenza su quel gruppo o area politica, personalismo, gestione anche piccola del proprio potere personale, ciò che conta è il potere apparire. Per arrivare a ciò si è fatto di tutto e di più, dai partiti al sindacato, si è lavorato per espellere dai loro organismi tutti i quadri dirigenti medi e medio alti, tutti gli intellettuali di partito o di sindacato capaci di proporre una nuova politica, capace di realizzare la tanto decantata democrazia partecipativa gettata alle ortiche anche come progetto ideale, per realizzare l’attuale politica fondata sul malcostume, la cogestione condivisa dei poteri, legami con le banche, multinazionali, gruppi mafiosi negli affari di economia sommersa e non solo, spacci, racket d’ogni tipo. Tutto ciò in sostanza che crea reddito e ricchezza, hanno sempre più  rapporti con i partiti di governo e non, non posso parlare di opposizione vera e propria perché per i motivi detti sopra quella che doveva essere opposizione si è dissolta nei meandri della economia di recupero voti. Ciò non significa che in questi partiti non esistono persone serie oneste … ma se ci sono ... e ci sono ... chiediamo loro di battere un colpo e di scegliere e di aderire a chi questa battaglia l’ha già iniziata e che tutto sommato non crede alla teoria del problema morale che non esiste, esiste invece la scelta di quale partito si vuole essere e con chi stare. Noi abbiamo scelto di stare col paese civile che lavora, studia, ricerca e vuole il rispetto dei diritti civili, sociali, delle libertà, e della Costituzione e contro quelli che queste cose non le hanno mai volute, contro quelli che non le vogliono più e questo ci indispone. Accipicchia.. dimenticavo..e non siamo infettati

Ultimo aggiornamento Lunedì 30 Novembre 2009 17:08  

Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information