Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

L'idea

E-mail Stampa PDF

Qualcuno dice l’Italia è un paese che non si fa mancare nulla, abbiamo tutto e di più, persino i mostri in prima pagina e adesso anche gli avanzi della ferraglia fascista in internet, come se non ci fosse bastata una guerra, decenni di repressione, morti, campi di concentramento, patrie galere piene di povera gente innocente, patrioti partigiani, oppressione a tutti i livelli e morte della democrazia e della libertà naturalmente. E tutto stranamente comincia e tenta di ricominciare da lì dalle carceri.  Che ai buon pensanti piaccia o no, penso che il livello di civiltà di un paese si misura anche dal suo sistema penale e dal sistema penitenziario, oltre che dal sistema legislativo ed esecutivo delle pene.

Uno stato che si definisce civile e democratico in primo luogo deve occuparsi del proprio cittadino, dalla culla alla cassa da morto e seguirlo significa  creare le condizioni per cui il cammino della propria vita sia guidata dalla scuola, dal lavoro, dalla capacità critica, dalla possibilità di scegliere tra il male e il bene, la vita e la morte, fra il bello e il brutto. Ma il nostro paese non ha mai dato se non a pochi privilegiati questa possibilità, ed è sempre stato debole con i potenti e potente coi deboli. Lo dimostra quello che è accaduto in questi giorni, per noi gente civile molto triste ed ingiusto. Gli istituti di pena dovrebbero dare comunque la possibilità di recuperare le persone e invece sono luoghi incontrollati di prevaricazione d’ogni tipo, minacce, esecuzioni sommarie, sia da parte di criminali incalliti che da parte di coloro che dovrebbero mantenere l’ordine, e sappiamo anche molto bene quando in mezzo a tutto ciò ci finiscono persone deboli vengono sodomizzati da i loro coinquilini in presenza anche delle guardie che girano la testa dall’altra parte. Altro non è che specchio del nostro paese e poi ci si meraviglia, ci si sconvolge e tutti sembrano cadere dalle nuvole. Io sono contro questo modo di concepire la pena e le carceri che io trovo incivile e superato. A  qualcuno chiedo di cominciare a far lavorare il cervello e maturare L’ IDEA  che prima di salvare il potere occorre salvare gli uomini dall’abbandono, dalle miserie, dalla disperazione, dalla morte morale che ci pervade quando l’uomo sbaglia perché tanti non hanno neppure gli occhi per piangere nè tanto meno per vedere e distinguere e lo stato è in vacanza a fare altro anziché fare il proprio dovere. Vi venisse in testa l’idea di applicare la Costituzione, solo così si possono evitare nelle nostre carceri i falsi e i veri suicidi. Invece qui si dà la caccia ai fantasmi per salvare i criminali dalla giustizia ma questi non li voglio in carcere, li voglio vedere nelle fonderie a lavorare, se devono stare in carcere che si paghino il soggiorno anziché ancora una volta metterlo in carico alla gente onesta … QUESTA SI' CHE è UNA BELLA IDEA … Assieme a quella che finalmente si cominci ad organizzare lo stato per davvero vista la sua  assenza quando di tratta di fare il proprio dovere … CIOE’ SEMPRE ...

Ultimo aggiornamento Sabato 21 Novembre 2009 21:35  

Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information