Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Il posseduto

E-mail Stampa PDF

Giovedì sera mentre mi trovavo al Coco Loco per svolgere il mio lavoro di cronista, per seguire le serate folli dei quattro dell’Ave Maria, i soliti birbantelli, vale a dire Basettoni, Idea  Fix, Diogene Juniore naturalmente lo splendido, unico, inconfondibile Homer, se pure arrivato in ritardo a causa di un litigio avuto poco prima con la portinaia di casa perché aveva calpestato il giardino a causa della sua cronica miopia.

Avevano preparato una serata particolare per festeggiare il compleanno di Brighitta, simpatia diciamo cosi segreta di Homer e poi c’era da festeggiare il 6° posto dei paesi più disgraziati del mondo, ora si punta decisamente al quinto e con questi splendidi di professione nessun obbiettivo è irraggiungibile. E Brighitta, Brighitta stasera è deliziosamente insuperabile, persino Diogene così compito ci prova, offrendole una coppa di coca cola, ma lei lo snobba, ormai punta direttamente su Homer che preso da tale fascino si addormenta mentre balla sull’ombelico della Brighitta, lei è alta 198 cm più i tacchi 13 cm. Non è una donna, è un transatlantico, di seno 0.5 ma a lui piace così, anche se lui è alto solo 158 cm. Idea Fix ci stava provando con Jefferson, un transessuale brasiliano ex scaricatore di porto che lui usava chiamare Frù-Frù, Basettoni mentre telefonava alla fidanzata in prossimità dei bagni stava palpeggiando Fernanda la donna delle pulizie che, infastidita, lo ha schiaffeggiato, e lui per consolarsi ha dovuto ripiegare finendo tra le braccia  del buttafuori, questo ragazzo con le donne non ci azzecca mai, ma quello che più spadroneggiava era Lui, Sua immensità in mutande ginniche, canottiera della salute, petto villoso al vento, naturalmente bandana e mani ovunque, faceva la piovra, non stava più nella pelle e a tutti quelli che salutavano faceva il segno con le mani 6, 6, 6. Non sapeva che il numero del diavolo è 666 e questo gli avrebbe potuto procurare dei guai, perché era una chiamata subliminare. E' stato per puro caso che tra tanta gente indaffarata a festeggiare, a ridere scherzare, bere, ballare, e chissà cosa, che ho intravisto il direttore di RAI uno il dott. Mons.nomato anche il formichiere, a causa del suo difetto naturale che è la lingua, ora sta provando a consumarla, perché la striscia dappertutto, ci siamo capiti il Dott. Minzolini. Inizialmente sembrava normale, a posto, poi all’improvviso ha cominciato a comportarsi come il Papi. Questo non è piaciuto affatto, nonostante i richiami egli ha cominciato a rotolarsi sulla moquettes, a minacciare i presenti e anzichè parlare il greco antico ha cominciato ad elencare i nomi dei nostri padri costituzionali accompagnato da bestemmie e imprecazioni, urlava come un ossesso W l’immunità, W l’immunità. Loro ce l’avevano, ora serve a lui! Serve a lui, serve a lui. Insomma Sua Lucentezza si è preoccupato sino al punto di chiedere l’intervento dei medici ma quando ha capito che non era un problema fisico nè mentale ha dovuto prendere atto della possessione demoniaca ed ha chiamato così l’esorcista, ma visto che in questa fase l’esorcista ha molto da fare, in quel parlamento più di tre quarti è posseduto, quindi per quanto riguarda Minzolini se ne parla la prossima settimana. Intanto però ancora oggi ce lo siamo dovuti sorbire con una lezione di storia che soltanto un ossesso, un posseduto poteva darci confondendo l’immunità parlamentare del dopoguerra, voluto dai padri costituzionali i cui valori morali per sempre saranno nostro esempio, dimenticandosi che fu tolta perché il senso morale era diventato un optional e che i legami con il malaffare erano diventati prassi vergognosa. Ed oggi? Le cose non sono migliorate, anzi. Lui, il Minzolini, vuole che ritorni l’immunità per salvare dai tribunali Sua Arroganza e quanti come lui vogliono ridurre questo paese ad ammasso di macerie. Mandiamoglielo l’esorcista, cosi si scoprirà che il direttore del TG 1 è posseduto dall’unico diavolo che sta dannando il paese, il male assoluto, affamatore e prevaricatore che dobbiamo rimandare ad Arcore a fare il pensionato. Il diavolo che possiede non si chiama Buzzuzzu, ma un certo papi da Arcore. Lui credete a me è il peggiore e il più difficile da scacciare MA  NOI CE LA FAREMO. PAROLA  DI  MORFEO.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 10 Novembre 2009 19:08  

Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information