Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Al mercato delle vacche

E-mail Stampa PDF

Come non tutti sanno, il Papi e Bossi sono amici di vecchia data, hanno fatto l'asilo e le scuole elementari assieme diventando amici per  la pelle, persino il gusto per la vita agreste li accomuna in maniera indissolubile, facevano esperienze agricole, ma ciò che più li appassionava era la passione in comune per gli animali, il Papi per le vacche, il Bossi per le capre, entrambi con indole molto indicative.

Ma per i giovanotti a quel tempo di magre, le cose non andavano molto bene, si dovevano accontentare di viaggiare a piedi o per lo più in bicicletta. Al Papi questo non andava giù, decise così di comprarsi una lambretta di seconda mano, questo gli permetteva di scorazzare giorno e notte per Arcore e caricare, suo sport preferito. Un giorno seppero dagli amici della Giovane Italia che a Monza era in corso una mostra di animali, mucche, asini, muli, pecore, cavalli e quant'atro. Homer non ci volle andare, Basettoni stava preparandosi casa , Diogene era impegnato col lecca lecca. Ci andarono Bossi ed il Papi, per loro una vera festa e i loro amici parlamentari non avevano mai visto tanti somari insieme. Girarono il mercato per tutto il giorno ma sino a quel momento non avevano trovato nulla, senonchè Bossi vide una bellissima capretta e andò a chiedere il prezzo, ma era troppo cara e non avevano tutti quei soldi a disposizione, ne avevano molti di meno. Dopo lunga trattativa decisero di cambiare la lambretta con la capretta. Il Papi non era molto d'accordo ma come al solito dovette cedere. Nel treno però la capra non la facevano entrare ma i due giovanotti non si persero d'animo, salirono sull'ultima carrozza e legarono la capretta ad una corda  e Bossi la teneva per essere sicuro di non perderla. Il treno cominciò a camminare e la capretta dietro costretta a seguirlo. Dopo un pò il Bossi si stancò e legò la povera bestia ad un ferro del treno. I due monelli così si misero a chiacchierare, raccontarsi le storie, le loro avventure con la donne, la Gianna, la Sara, la Samanta, la Patrizia prende meno, le donne, la gnocca, ... si erano completamente dimenticati di quella povera bestia. Il papi che pensa sempre a tutto chiese al Bossi di dare una guardata alla capra, il Bossi guardò e vide che la capra travolta dalla velocità del treno rotolava su se stessa e senza batter ciglio  disse : FIGURATI SE NON CE LA FA ... TROVA IL TEMPO PER FARE LE CAPRIOLE .... Pensavano gia al popolo italiano

Ma non vi dice niente questa storia? a MORFEO SI.....MEDITIAMO INSIEME

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 26 Ottobre 2009 22:02  

Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information