Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Eccoli di nuovo

E-mail Stampa PDF

Non meravigliamoci, hanno sempre avuto la stessa faccia, ieri, oggi, e domani.

Non sono mai cambiati e non cambieranno mai. Essi hanno  avuto e sempre avranno nelle loro teste bacate , la folle  idea della “ Soluzione finale” si come quella dei  loro amici nazisti e fascisti. Cambia la forma ma la sostanza è sempre la stessa, crudele e inumana ridurre ai minimi termini e annullare ogni forma di resistenza sia attiva che passiva. Fare in  modo di ridurre  gli esseri umani a delle vere e proprie larve intellettuali, e fisiche. Quello che più m’indispone è che lo strumento che usano per fare le vittime, ancora una volta è la democrazia ( O presunta tale ) oggetto misterioso per questi lestofanti, quando si tratta di lavorare per il bene del paese, ma  che diventa manganello, e violenza quando si tratta di difendere le loro prerogative di potere, i loro privilegi, la loro arroganza, la loro incapacità di gestire e  governare un paese.

Nessuno si è mai posto davvero il tema della violenza. Ve ne sono diversi tipi e tutte e mio parere sono la conseguenza e mai la causa reale degli eventi che le stesse violenze provocano. La cosi detta violenza, sociale le uccisioni, i furti, i rapimenti, le sparatorie per un parcheggio, gli accoltellamenti, le minacce e quant’altro a mio modesto parere hanno sempre motivi che non sono poi nemmeno molto reconditi, ma sono segnali che tendono a dimostrare di quanto un paese, e in questo caso il nostro, si stia avviando sulla via del degrado sociale politico, ma soprattutto culturale. Penso anche che limitarsi a dire che è l’uomo come genere la causa di tutto quanto accade, mi pare alquanto limitativo e poco realista e in più tende a nascondere gravi responsabilità da parte del potere costituito e di certe istituzioni dello stato che utilizzano la violenza, fisica, psicologica, sociale e culturale per mantenere e conservare non solo i loro privilegi ma lo stesso sistema di potere e questo i cosi detti moralisti benpensanti dovrebbero non solo saperlo ma combattere a  che  questo non accada più.

Non voglio neppure rifarvi la storia del nostro paese, sulle  vittime della violenza di stato o chi per loro che si sono macchiate dei più gravi delitti attraverso attentati, scomparse, morti di cui mai se ne sono scoperti i mandanti, e i motivi, tutto è finito del dimenticatoio. Morti e fatti insabbiati per nascondere verità scomode mantenendo così intatte tutti  i loro obbiettivi, in modo che tutto rimanesse come prima. Occorre mantenere il potere questo conta! Ed anche in questo caso il fine giustifica i mezzi.

Ma non è questo il tema di cui voglio parlare. Poiché vi sono forme di violenza di stato che sono fra le più odiose e crudeli che provocano danni irreparabili, e che sono a mio parere la causa reale e principale  di molte delle violenze che si realizzano sullo scenario del paese … il nostro paese. Preferisco parlare della violenza che tutti i giorni e ormai da anni viene subita da tutti coloro che appartengono guarda caso alla categoria dei diseredati, pensionati, donne, giovani, operai , disoccupati,  precari, studenti , universitari, ricercatori  e non per ultimi, i malati , gli invalidi, gli  esodati, e gli stessi alunni delle scuole  elementari che in molte città da un giorno all’altro si trovano le scuole chiuse, si dice per carenza di fondi quando si sa benissimo come si comportano e o vengono trattati economicamente, consiglieri  regionali  e  amministratori dei vari partiti  parlamentari e accoliti,che usano i soldi degli elettori per spenderli  a donne  di malaffare ed arricchire i loro conti personali. Per non  parlare delle solite scuole materne chiuse e o mai aperte, e i sacrifici che fanno milioni di famiglie per pagare le rette, in continuo aumento. A questo governo si è permesso di fare tutto quello che a nessun governo si sarebbe permesso. Poggiandosi sul terrore persino provocato dalle minacce neppure molto velate e cioè che avremmo potuto finire come la Grecia o la Spagna e oggi vogliono farci credere che il pericolo è quasi scongiurato bugiardi! e che il miracolo è fatto manca solo la benedizione delle elezioni il cui risultato nei fatti è già pilotato e persino potrei darvi le percentuali dei vari partiti. Comunque vadano i partecipanti al voto saranno una vera e propria minoranza e la maggioranza che uscirebbe sarebbe comunque una maggioranza falsa e non rappresenterebbe comunque la volontà reale della maggioranza del popolo italiano. Tutto il resto sono chiacchiere al vento. Sono loro i veri violenti da sempre. Hanno smantellato lo stato sociale ponendo in grave pregiudizio la salute e la vita di milioni di malati, chiudendo ospedali, eliminando letti, ponendo tiket, eliminando assistenze essenziali ai malati, anziani, donne e bambini, tagliato i fondi per gli invalidi che sono costretti ad incatenarsi  e a fare lo sciopero della fame e molte realtà ospedaliere sono a livello del terzo mondo, e non si pagano ne fornitori ne stipendi mentre i baroni e gli uomini di potere di tutti i partiti all’interno della sanità continuano a ricevere e a dare mazzette milionarie e nessuno controlla i loro operato ne tanto meno interviene, mentre vengono bloccati gli stipendi ai ricercatori, e gli stessi fondi per la ricerca vengo bloccati e tagliati per quanto già esigui anzi che aumentarli come invece dovrebbe essere . Nei fatti hanno affossato la sanità e il suo ruolo fondamentale per uno stato democratico. Uguale discorso vale per le scuole le loro strutture, l’università, centri di studi statali mentre si finanziano le scuole private abbandonando nei fatti le scuole  statali, hanno aumentato le tasse per le scuole,  e le università, i libri, i trasporti, diminuito gli stipendi  agli insegnati proposto loro di lavorare di più senza essere  retribuite, aumentato il numero dei disoccupati in questo settore ed i precari  tanto per non farsi mancare niente. E le stesse strutture  molte dei quali fatiscenti e pericolose per i nostri ragazzi, e figli. Ormai è risaputo che più aumentano i disoccupati e più il salario viene ricontrattato al ribasso , in quanto la mano d’opera per vivere è disposta e quindi costretta ad accettare paghe esigue . Questa è violenza! E l’Europa ha intrapreso proprio questa strada … VERGOGNA!

Da decenni non si fanno interventi di manutenzione  nelle scuole e basta per così dire un colpo di vento per ammazzare gli innocenti che vanno a scuola e ci lasciano la vita e Rivoli,

Non stante un morto non si  è  imparato ancora cosa bisogna fare per ovviare a queste disgrazie annunciate, ma le istituzioni a cosa servono? . Hanno ridotto alle fame ormai milioni di famiglie, gettate in mezzo alla strada per la mancanza di lavoro e di assistenza, hanno fatto dei pensionati dei veri e propri elemosinanti, a quelli che lavorano, sono imposte paghe da pezzenti mettendo alla prova la loro dignità e la loro pazienza e magari fosse che questi sacrifici servissero alle nuove generazioni, potrebbe essere così se vi fosse un progetto per il lavoro per  lo sviluppo o anche solo una parvenza, un’idea per la costruzione di una società se non  proprio opulenta almeno capace di garantire un minimo vitale per gli strati più poveri della società. Gli investimenti per la ricerca in tutti i settori in cui e necessario programmare  nell’agricoltura per modernizzarla e dargli un senso veramente europeo, e soprattutto agire e intervenire sulle banche nazionalizzarne un paio. Organizzare una vera e propria politica economica e industriale sapere cioè come e quando e quanto e dove in quali settori s’intende investire a livello di risorse per un paese che sta pagando senza avere in realtà nulla in cambio in termini di progetti di sviluppo e prospettiva per ridare fiducia in particolare alle nuove generazioni, e una vita decorosa a chi è a fine lavoro, e invece nulla di tutto questo. Questa è violenza !

Ancora una volta la lotta all’evasione fiscale latita in questo governo si colpiscono le famiglie aumentando i costi dei servizi, il numero stesso delle tasse aumenta anzi che diminuire, senza mai intervenire alle radici del male rimandando sine  die le riforme necessarie del mercato in tutti suoi settori mai regolamentati come le assicurazioni, l’artigianato, la pesca, l’agricoltura, l’arte, la cultura, il turismo. Hanno pensato che facendo l’equi Italia avrebbero risolto il problema dell’evasione ma anche questi il più delle volte vanno a cercare i soldi non c’è né o da chi non è ha, mentre i grandi evasori in realtà non vengono nemmeno scalfiti, e come tutti sanno i loro soldi vanno in Svizzera e nei paradisi fiscali , cosi che  sulla tassa sui patrimoni si blatera e non si conclude nulla e pure l’opposizione su questo esprime dubbi e perplessità  … si dice  … Sono pochi …  CRETINI! E bugiardi  . Naturalmente sono solo alcuni aspetti della nostra realtà e nessuno pensi che non si sia capito da parte di tutti noi la grave crisi che si sta attraversando ma è proprio nei momenti di crisi che dovrebbero svilupparsi sentimenti si solidarietà di comprensione e di vero e proprio amore nei confronti  del prossimo e del vicino ma questa regola dovrebbe essere rispettata da tutti e quando dico tutti vuol dire in primo luogo da quelli che ci governano e attraverso le loro scelte politiche, l’equità  nella suddivisione dei sacrifici dovrebbe realizzarsi attraverso le regola del chi più ha più paghi per salvare il paese e loro stessi ma anche è soprattutto negli esempi ed anche in questo siamo delusi.  Quando ciò non avviene per scelta dei potenti allora quello che accade ai più poveri diventa violenza, ingiustizia, insopportabile ancor di più quando si ferisce a morte il futuro di un paese attraverso i più deboli. I giovani, la scuola, la cultura, e l’informazione e lo strumento non  ultimo con cui si feriscono le coscienze e le storie individuali di uomini e donne. Si offende la dignità di un intero popolo impegnato a difendere la propria sopravvivenza e il futuro del proprio paese e dei propri figli.

Quando un governo , non è in grado di rispondere alla esigenza elementare del lavoro e ancor di più non è grado di spiegare condannare e punire le sopraffazioni, le ruberie, le mazzette, le sperequazioni e gli interventi contro le masse lavoratrici , contro lo stato democratico. Tutto ciò è violenza di stato! Allora quello stato deve aspettarsi la rivolta, la ribellione.

E ppure la violenza di piazza che non è mai violenza fine a se stessa ma è una richiesta di giustizia, di uguaglianza ma anche soprattutto di lavoro e dignità. E se ciò non è organizzato incanalato da un progetto, da un fine comune allora, si che diventa pericoloso e poco contano le infiltrazioni di qualche testa li legno coperta da un casco

Strumenti infami certo ma sono facilmente identificabili basta volerlo.

Molto più grave quindi la violenza di stato programmata a tavolino organizzata crudele, e senza cuore, poiché in tutte queste povertà ci sono i bambini, le donne gli anziani e tutti coloro che non hanno gli strumenti sociali e culturali per difendersi. Gli invalidi e i malati.

Si tacciano quindi i falsi ben pensanti che hanno ridotto l’Europa e l’Italia alla miseria abbiano il coraggio di uscire allo scoperto e dichiarare il loro fallimento.

Ma non solo i soliti governanti, ma la stessa opposizione non ha più la capacità di essere punto di riferimento ne di attrattiva  per milioni e milioni di uomini e donne che chiedono un cambiamento in positivo e democratico del nostro paese e ad oggi non rappresentano altro che interessi particolari e di potere e che ha perso il contatto col mondo reale e  del lavoro , della società civile in genere. Giusta sacrosanta quindi la rivolta, la lotta, le battaglie dei giovani e non solo. Io non sono un moralista io sono contro la  violenza quella gratuita e senza ragione. Ma quando essa è lotta   democratica civile per la difesa della nostra democrazia, della costituzione, il lavoro, la dignità, l’uguaglianza, l’equità la solidarietà, bene allora io sto con loro anche quando e se sbagliano

E io non metto il casco. Chi invece i caschi li mettono sono gli uomini dei servizi di polizia che in certi momenti sembrano scatenati su ragazzi indifesi o quando sono in condizioni di non  nuocere procurando danni non solo al malcapitato ma anche alla loro immagine ed ai corpi stessi di polizia è inutile nasconderlo quando ci si scontra  corpo a corpo accadono fatti che in condizioni normali non si verificherebbero mai , ma quando si scatena la violenza scatta la paura di essere sopraffatto e quindi l’odio.

Questa mistura coadiuvata da ordini sbagliati  e reazioni conseguenti diventano situazioni esplosive e i fatti del G. 8 di Genova sono un ‘esempio lampante, la polizia non difende mai o quasi mai l’ordine pubblico o la piazza , ma difende  il potere. E  il potere è violenza … non c’è niente da fare. Occorre davvero rielaborare il concetto di ordine pubblico, rieducare  alla cultura del confronto, e della rielaborazione del ruolo e della funzione degli uomini dediti ad un compito cosi delicato e deve dotarsi di strumenti diversi e più nuovi, Occorre d’altro canto ricordarsi che sono anche loro parte non solo dello stato ma anche di origini povere e o operaie , operai e lavoratori  come noi

Ex disoccupati e mal pagati. A questo occorre che concorrano lo stato e le strutture stesse dello stato in primo luogo i sindacati di categoria e la società tutta Educare la polizia ad un rapporto democratico con la piazza. Educare la piazza alle lotte sociali,

educare le masse alla lotta democratica e alla sua conduzione. Ma l’assenza dei partiti e di democrazia e giustizia sociale e dei  partiti su questo tema crea una vera e propria  frattura ed impossibilità a gestire il problema in termini democratici. E voglio soltanto sfiorare un tema sempre ricacciato e temuto da tutti la vergognosa condizione delle carceri italiane vero esempio di primordiale e incivile concezione della pena . In questo paese in realtà si tende a punire l’uomo in quanto tale e non il reato. Le carceri costano troppo e nella maggioranza dei casi sono inutili e non assolvono al compito cui sarebbero destinate, si entra porci e se ne esce maiali sono un vero e proprio ricettacolo e palestra della piccola e grande delinquenza. Cosi come sono organizzate anche esse sono una vera e propria violenza di stato e comincio a pensare che è proprio questo che vogliono fare. Così come comincio a pensare che questo paese abbia abbandonato ormai da tempo immemore la COSTITUZIONE REPUBBLICANA NATA DALLA RESISTENZA che siamo sempre meno democratici, sempre meno liberi e sempre meno civile siamo sull’orlo dell’imbarbarimento … La civiltà è un’altra cosa chiedetelo  a Morfeo e agli invalidi che devono fare lo sciopero della fame,  per rivendicare il diritto  ad  essere curati, o agli operai del Sulcis, e poi riportatelo alla ministra Fornero, che  tanto dirà che siamo schizzinosi poiché non ci piace mangiare merda

 

 

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 29 Novembre 2012 08:39  

Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information