Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Silvio Laqualunque

E-mail Stampa PDF

A mmia mi piaci ‘u pilu! Quanti maschi, NORMALI abitanti del pianeta Terra, possono in coscienza smentire quest’ovvia affermazione? Qualcuno, a cominciare dalla mia ex, amatissima, consorte, sostiene che sono malato. Malatu ‘i pilu, sugnu! Che malattia sarà mai questa? Una pandemia, magari,  perché ne sono affetti TUTTI i maschi del mondo, a meno che non siano stati contagiati da ben altra e più grave patologia, come giustamente fa rilevare Santa Romana Chiesa: l’omosessualità, la vergogna e l’indecenza di avere rapporti con persone del proprio stesso sesso, le perversioni frequentate e pubblicamente ammesse da desolanti personaggi come Vendola. Comunista, cattolico e OMOSESSUALE. Io, invece, rappresento un QUALUNQUE, comunissimo, esemplare di maschio italiota, e non soltanto italiota.

Solo che io non giro in macchina, di notte, per le strade ed i vialoni alberati, come fate voi - squallidi, banali, irriducibili ipocriti e farisei - trattando la prestazione e tirando sul prezzo. Non frequento i residence di periferia o gli alberghetti di provincia. Le ragazze mi vengono a trovare spontaneamente, e le tratto come vere principesse: cena raffinata, musica eccellente, ambiente da sogno, ottima compagnia di persone colte ed educate. Magari può capitare che, nel dopo cena, mi si offrano, come un qualunque insaccato si propone in un qualsiasi spot pubblicitario. E, per me, valgono addirittura di più del pregiato Culatello DOP di Zibello! Sono libere, nessuno le ha mai obbligate a fare nulla; sono ben pagate, non hanno il problema dell’affitto e delle bollette in scadenza e, lo sapete, a Milano o a Roma la vita costa ben cara. Sono coccolate e protette, sono disposto a soddisfare i loro capricci come loro soddisfano i miei. E non chiedo certo la carta d’identità alle mie gradite ospiti. Cosa volete che sia un bacio innocente, un pizzicotto sul culo, una palpatina alle tette? Succede ogni giorno negli uffici, nelle fabbriche, sui mezzi pubblici.

Faccio del bene a giovani donne che, altrimenti, si troverebbero emarginate, senza lavoro; oppure precarie a vita, a guadagnare la miseria di 400 euro al mese, rinchiuse in un intollerabile Call Center. Le mie, contrariamente a quanto si vorrebbe far intendere, non sono  case chiuse ma ville aperte a tutte, purché siano giovani, carine, bisognose e … disponibili. Molto disponibili. Sono prestante, appena settantacinquenne, ricco, potente, completamente revisionato, dai tacchi fino alla cima dei capelli, regolarmente “fidanzato in casa” con una compagna che sistematicamente cornifico, ricolmo di sana vigoria sessuale. E se la chimica mi aiutasse e, ogni tanto facessi l’amore con qualcuna di loro, dove sarebbe lo scandalo, la perversione? Lavoro giorno e notte per il benessere del Paese: non mi scassate la minchia con tutte queste PUTTANATE e, come promesso, entro la fine della legislatura risolveremo la crisi economica e sconfiggeremo definitivamente anche il cancro.

Di cosa mi si accusa? Se mi è lecito comprare qualche parlamentare, perché non dovrei comprarmi un po’ di sano relax, qualche ragazza giovane e carina con cui divertirmi un po’? Lo stesso Benigni ha ammesso che posso comprare TUTTO, persino Dio.

Io sono il boss, l'imprenditore,

il proprietario del partito dell'Amore.

Io sono il Cesare, leader mondiale,

io sono il papi, l'utilizzator finale.

La Camera è mia, è mio il Senato,

sono io il padrone di Ibrahimovic e Pato

c'ho banche e banchieri, c'ho case editrici,

c'ho Confalonieri, la Rai, Mediaset, gli attori e le attrici.

È mio Il Giornale e il Viminale

E, naturale, fra tre anni il Quirinale

finalmente sarà mio come un fatto personale,

Magistratura e Corte Costituzionale.

È tutto mio, faccio sul serio,

palazzo Chigi, palazzo Grazioli, palazzo Macherio,

palazzo Madama, c'ho Villa Certosa che c'ha mille stanze,

castelli, Antigua con tremila dependance.

È tutto mio, cari italiani,

anche la casa a Montecarlo di Tulliani

è mia, c'ho Denis Verdini, Maria Stella Gelmini,

Frattini, Ghedini e Roberto Formighini.

Augusto Minzolini, il TG un

è mio, è mio il TG5 di Mimum.

Le donne son mie, son potente e quindi

le voglio tutte, soprattutto Rosy Bindi.

La Lega è già mia, Maroni, Bossi e Cota,

ho comprato tutti e m'hanno regalato il Trota

e la destra di Storace e la DC di Rotondi

e sono mie le poesie di Sandro Bondi.

Ah, Cicchitto, Dell'Utri, non so più chi c'è,

eh Scajola e la finissima Santanchè … ohiè,

il partito si ingrossa, ormai c'è la ressa

Brambilla la rossa, Ignazio La Russa, passare alla cassa.

Le barzellette che racconto io,

le scrivo io e fanno ridere, orco zio!

Di aziende e banche ho fatto il pieno

basta così, domani compro il Mar Tirreno!

Ma io compro tutto, dall'A alla Zeta

ma quanto costa questo cazzo di pianeta?

Lo voglio io! Lo compro adesso!

Poi compro Dio, sarebbe a dir compro me stesso! (1)

Il potere non si accusa, non si processa, e, soprattutto, NON SI CONDANNA. Io sono il POTERE, io soltanto ho il diritto di decidere del mio destino.

“… Ascolta

una volta un giudice come me

giudicò chi gli aveva dettato la legge:

prima cambiarono il giudice

e, subito dopo, la legge.

Oggi, un giudice come me,

lo chiede al potere se può giudicare.

Tu sei il potere.

Vuoi essere giudicato?

Vuoi essere assolto o condannato? …” (2)

(1) Roberto Benigni, “Dio e Berlusconi”, versione 2010 da “Vieni via con me”. Per i pochi che non l’avessero ascoltato, o per chi lo volesse riascoltare, basta un clic. Mi compro TUTTO

(2) Fabrizio De Andrè, “Storia di un impiegato – Sogno numero due”, 1973.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 22 Giugno 2011 12:39  

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna


Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information