Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

La calata dei barbari

E-mail Stampa PDF

Sembra anzi no è proprio vero che la grande spinta della modernità iniziata (stabiliamo una data solo per comodità) dalla fine della seconda guerra mondiale si stia esaurendo e i grandi pensatori dell’800 e del '900, per non andare più indietro, come per incanto siano dimenticati, messi in soffitta come oggetti di un passato remoto da nascondere, celare agli occhi delle nuove e delle future generazioni. Quasi a doversi vergognare dei processi rivoluzionari pacifici e non che hanno segnato gran parte della nostra storia recente. Questi  processi di liberazione sono stati elementi fondamentali per lo sviluppo delle democrazie, della loro modernità, con i loro tentativi anche solo parziali a volte riusciti, a volte meno, di dare alle società e quindi all’uomo una dignità che i regimi guerrafondai e nazifascisti affossarono umiliandolo con il culto del macabro, della morte, della negazione assoluta di ogni forma di libertà e di diritto. Il concetto stesso di civiltà è messo seriamente in discussione da fatti, atti, azioni e idee stesse che hanno già contaminato la mente di falsi intellettuali, inseriti nei meandri della politica, della “ cultura” della formazione, della informazione degli Stati di tutto il mondo e farne un elenco non solo è superfluo ma farebbe perdere del tempo a tutti coloro che hanno  ancora un barlume di senso democratico.

La modernità nel senso più vero del suo concetto poco si attaglia agli Stati che attraverso i loro rappresentanti, ma in primo luogo alle loro scelte economiche, stanno portando intere generazioni allo sfacelo più completo, all’abbandono del senso della solidarietà e del senso della democrazia, della libertà, del diritto, del lavoro e del bene comune come elemento necessario per realizzare la modernità ed progresso necessari affinchè tutti possano beneficiarne e non soltanto qualche privilegiato che fa il bagno tutti i giorni nel proprio oro rubato. E questo sta accadendo in tutto il mondo, in ogni angolo della terra e in tutti i settori più o meno importanti della economia e della società civile. Tutte le conquiste sociali  e civili, a cominciare dal lavoro e dalla sua dignità, sono e saranno sempre più messe in discussione se non addirittura abolite ed il livelli di opposizione rischiano d’essere sempre più deboli se non si realizza al più presto un grande movimento d’opinione e poi di lotta per sconfiggere i detrattori dell’ umanità. Sarà una lotta lunga e difficile e non basterà sicuramente frenarli perché i Barbari non si fermeranno davanti a niente. Occorre elaborare una società nuova e diversa che non assomigli più a nulla e a nessuno, che abbia nel suo concetto di modernità lo sviluppo ad oltranza del concetto di modernità e democrazia. Ciò che è ancora più paradossale e pericoloso è che le stesse opposizioni tradizionali sono state in qualche modo affascinate dal  fascino indiscreto non solo del potere ma dalla nuova calata; così nel tentativo di recuperare credito e consenso anzi che avvicinarsi ai problemi reali del vissuto affrontano con loro temi lontani mille anni dalla realtà diventando nei fatti ingranaggio stesso del sistema di potere organizzato dal potere   economico e politico e perdendo di vista il loro ruolo fondamentale. Un nuovo medio evo i cui tasselli si sono ricomposti e punteranno sempre di più a schiavizzare uomini donne; idee e pensieri che tenteranno ancora di bruciare sulle piazze uomini, idee e pensieri; quasi che libri, pensieri e cultura si possano  distruggere con il fuoco e i falsi totem. La battaglia è e sarà sempre fra quelli che vogliono la vita, la cultura, il progresso e quelli che da sempre, adorando i riti celtici, stanno dalla parte della morte. Non è facile uscire da questa situazione ma l’importante è per noi non uscirne con coloro che in questa condizione ci hanno messi, inconsapevoli e non, e nessuno si escluda perché questa volta la colpa non sarà più dell’altro. Non ci sono altri: ci siamo Noi e Voi. Noi per la vita e Voi come sempre per  la morte dell’uomo.

Ultimo aggiornamento Giovedì 27 Maggio 2010 20:02  

Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information