Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Noi che non sapevamo ridere

E-mail Stampa PDF

Riceviamo da Imola e volentieri pubblichiamo questi meravigliosi e toccanti pensieri di Giuliano Bugani, operaio, giornalista, poeta.

Noi che non sapevamo ridere ( dedicato al popolo dell’Aquila)

Cà del Vento è la casa dei matti. A Imola. La città dei matti. E’ una struttura protetta all’ interno del grande manicomio abbandonato. Il manicomio venne svuotato dopo la legge Basaglia. Cà del Vento io l’ho vista. Io sono stato dentro il grande manicomio di Imola. A vedere Cà del Vento. Ho visto le persone di Cà del Vento. Ho visto i matti. Uomini. Donne. Giovani. Anziani. Vivono insieme. Mangiano insieme. Cucinano insieme. Li ho visti parlare tra di loro. Cà del Vento mi ha commosso. Quelle persone mi hanno commosso. C’era la responsabile volontaria ad accompagnarmi. Una donna stupenda. Imola è stupenda. Dicono che la struttura del grande manicomio abbia ispirato la costruzione dei lager nazisti. La forma esterna architettonica. La forma interna dei corridoi. La forma dei campi esterni. Lager nazisti. Poi sono stato all’Aquila. Subito dopo il terremoto.

C’era una sopravvissuta ad accompagnarmi. Una donna stupenda. Ho visto altri sopravvissuti. Uomini. Donne. Bambini. Anziani. Li ho visti parlare tra loro. Li ho visti mangiare insieme nelle mense degli sfollati. Li ho visti vivere insieme. L’ Aquila mi ha commosso. Quelle persone mi hanno commosso. L’Aquila è una città stupenda. Dicono che la struttura del terremoto abbia fatto ridere i nazisti di oggi. La forma dei morti. La forma dei cadaveri giovani e meno giovani. La forma delle case crollate. Abbandonate. Nuovi lager nazisti di oggi. Allora ho pensato a Cà del Vento. Quando un uomo anziano si avvicinò a me. Aveva la barba folta. E gli occhi di bambino. Sorrise e mi disse: “ Sono contento di vederti. E di conoscerti. Sai, noi non sapevamo ridere.” E se ne andò. Impotenza e colpa mi assalirono. E pensai a quell’uomo che non aveva mai riso in vita sua. Chiuso per una vita in un grande manicomio lager. Prima di entrare a Cà del Vento. E pensai a quei nuovi nazisti di oggi. Che sapevano ridere davanti a figli morti. Voglio ritornare a Cà del Vento. Perché so che un nuovo vento sta arrivando. Dove anche L’Aquila tornerà a volare.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna


Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information