Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Una testimonianza da Haiti

E-mail Stampa PDF

Per gentile concessione di Gerard Stephenson pubblichiamo una lettera ricevuta dal figlio Roberto che si trova ad Haiti in questi drammatici giorni dopo il terremoto.

Desolazione, paura, aiuti che arrivano in Haiti, ma non alla gente. I morti sono per lo più stati tolti, ma non quelli sotto le macerie. Tanta puzza di cadaveri e di escrementi vari. Cumuli di macerie ovunque. Tanti i perduti, cari e meno cari, gente senza volto, come le rovine di case irriconoscibili, rase al suolo, senza dignità che ne sia restata. Un paese condannato e senza fortuna. Una delle preoccupazioni più grandi, alla radio, nelle conferenze ufficiali, è quella che ancora una volta gli haitiani passino per un popolo di gente incapace, che non sa gestire l'emergenza, che non merita, gente cattiva, gente che ruba e stupra in situazioni come questa.

La ricostruzione prenderà tempo, e se la classe politica lo permetterà si potrà avere un paese con delle infrastrutture. Una speranza e basta. Ma chi ci crede? Bisogna crederci, ma lo si fa scetticamente ... Mostra tutto sgomento e smarrimento per l'oggi, ma ancor di più per il domani. In tutto questo, quello che colpisce è il senso d'abitudine con il quale la situazione viene affrontata. Tanti hanno perso tanto, alcuni tutto, ma è come se fosse stato messo in conto da sempre in una Haiti che alle catastrofi è dovuta abituarsi, dall'inizio, dall'arrivo dei "bianchi" in poi: massacri, schiavitù, uragani, rivoluzioni, colpi di stato, embargo, alluvioni, incendi, dittature, occupazioni ... e poi dell'haitiano ci si lamenta ...

Gente piangere ne ho visto solo la sera stessa del grande sisma. Per lo più genitori che non ritrovavano i figli. Poi niente, mai. Quando sono entrato nei campi di sfollati, sono stati dei sorrisi che mi hanno accolto, e ancora oggi, una settimana dopo, quasi senza aiuti, ad un sorriso, rispondono ancora con un sorriso, vero, genuino. E se si dice che c'è violenza, stupri e razzie, deve sicuramente essere vero, ma io ne ho vista pochissima pur avendo girato la città in lungo e in largo.

La vita in Haiti è un terno al lotto, e in fondo lo si sa che oggi è così, ma il domani, come si dice senza fallo, è solo "si dye vlè" (se dio vuole). E ogni tanto pare che gli prenda male, e che non voglia ... Il senso di inutilità è tanto perché gli aiuti non arrivano a destinazione, o ancora troppo poco. E paradossalmente sembra che ci sia più tensione fra i vari inviati delle 1000 varie organizzazioni che fra la gente del popolo. E poi sono arrivati gli americani, i marines e i guardia coste(!) e altri ancora, sempre con la loro tipica arroganza, violenza verbale e aggressività, una vera manna per tranquillizzare la situazione.

Da ieri questo popolo abituato a far fronte alla catastrofe come in altre parti del mondo si fa fronte all'inverno, si è rimboccato le maniche ed è tornato al lavoro. Certo, chi ha potuto, ognuno alla sua maniera e con le mercanzie restate. Il mercato era il mercato di un giorno qualunque. Credete che questo dia gioia? Io l'ho vista come il segno di un popolo che sa di non potersi permettere un momento di lutto, né di pausa perché non gli è concesso da nessuno.

Oggi la situazione è triste. Quella del domani fa paura. Il futuro prossimo, quando l'emergenza sarà passata e la massa incredibile di giornalisti che da un giorno all'altro hanno popolato le strade, come accade ciclicamente in occorrenza di ogni catastrofe, sarà scomparsa (una decina di giorni?), allora i nodi veri verranno al pettine e allora sì che la situazione diventerà esplosiva.

Oggi, per la prima volta dopo la scossa, sono apparse le nuvole, grigie e pesanti. Stanotte ha cominciato a piovere. Io ho una tenda sotto la quale dormire, ma so che siamo in pochi ad avere questo privilegio.

Un saluto affettuoso a tutti

Roberto Stephenson

20 gennaio 2010

Ultimo aggiornamento Martedì 26 Gennaio 2010 18:32  

Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information