Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Faccia tosta

E-mail Stampa PDF

Come si fa a continuare a ingannare gli italiani trattati come sempliciotti, per non dire “coglioni” per usare una sua battuta, con queste affermazioni: “Siamo riusciti a non aumentare nessuna imposta e a non mettere le mani nelle tasche degli italiani” mentre in realtà si sta facendo l'esatto contrario e non in modo da rispondere a un'emergenza ma in modo programmato e dichiarato sotto gli occhi di tutti che è il documento di programmazione economica poliennale del Governo. Vedere il precedente articolo Come ti derubo senza che te ne accorga.

 

Vediamo alcuni esempi per ogni singola affermazione scritta sopra.

 

  • Governo bugiardo.

Si chiamano “Centri di accoglienza” quegli edifici recintanti spesso con reticolati, da cui non ci si può allontanare che servono per l'identificazione e l'espulsione degli immigrati clandestini. Nella vicenda di Rosarno il Governo, non usando mai il termine “deportato”, ma in realtà si è trattato di questo, ha deportato tutti coloro che erano di razza nera nei “Centri di accoglienza”, senza alcuna identificazione preventiva. Sono stati trasferiti contro la loro volontà per il solo fatto che non erano bianchi. L'uso di termini non corretti per me è bugia se poi addirittura il termine è opposto a quello che si riferisce nel modo corrente di intendere le cose, è un falso, un inganno.

Per me l'accoglienza è esattamente l'opposto.

Si sono ingannati gli italiani usando termini opposti per giustificare un'operazione ignobile.

Su questa mistificazione e inversione del significato delle parole non è che “Popolo della libertà” significa esattamente l'opposto?

Nel documento milleproroghe del dicembre 2009 viene trasferito il TFR dalla disponibilità di chi è autorizzato a restituirlo ai dipendenti alla scadenza della loro attività lavorativa (prima erano le aziende che disponevano di questo patrimonio e serviva per autofinanziamento delle aziende stesse, poi è passato all'INPS, con grave disagio delle aziende, ma era ancora controllabile) e ora il Governo l'ha ingoiato nella sua macchina sottraendolo di fatto alla disponibilità dei lavoratori nella totale indifferenza del sindacato.

Ma chi pagherà il TFR ai lavoratori in futuro? Qui si sta rigiocando lo scippo fatto con le pensioni che ora i nuovi lavoratori devono pagare la pensione ai lavoratori precedenti. E' indubbio che se i versamenti fatti dai lavoratori vengono pagati alla scadenza da versamenti di altri lavoratori che nel frattempo sono subentrati nel lavoro significa che qualcuno si è preso il malloppo dei nostri versamenti.

E' il gioco delle 3 carte. E' stata instaurata una catena di S. Antonio o quello che negli Stati Uniti chiamano uno schema Ponzi. L'esempio più importante e più recente dell'utilizzo pratico di questo schema è stato Bernard Madoff che ha effettuato la piu' grande rapina di tutti i tempi truffando migliaia di risparmiatori e banche a livello mondiale ed è stato una delle cause scatenanti l'attuale crisi mondiale.

A Madoff gli è stata comminata una pena di 150 anni di prigione, che è il massimo permesso e di una multa di $170 billion. Non è un mettere le mani nelle tasche degli italiani questo?

 Intanto da noi, per portarsi avanti con i lavori, si pensa alla riforma della Giustizia.

  •  Ricerca del bene personale come priorità massima del Governo.

La prima iniziativa di questo Governo fu la ricerca della legge ad personam e questo penoso tentativo di protezione personale sta continuando ancora adesso con tutte le iniziative sulla Magistratura, legge breve ecc. Pensate a un provvedimento del Governo che è intervenuto per attenuare la grave crisi che stiamo vivendo. Avrete difficoltà a ricordarlo non per altro ma solo perché questo Governo ha pensato solo ai suoi interessi personali.

  • Ricerca del bene delle lobby

La class action è stata volutamente spostata nei tempi di partenza dell'applicazione proprio per non coinvolgere i responsabili dei casi Cirio e Parmalat.

  •  Ricerca del bene della parte.

Gli attacchi alla Magistratura sono esempi di cercare di spostare un equilibrio, garantito dalla Costituzione, in uno squilibrio a favore di un solo potere, in altri termini di passare dalla democrazia teoricamente del popolo a un una dittatura di pochi. In realtà tutti ritengono che la dittatura dei pochi sia già sotto gli occhi di tutti e i molti sono i consumatori che sono stati illusi e resi inoffensivi dal potere con il consumismo più sfrenato. Ora si sta cercando di render ufficiale e planetaria la cosa. Il nostro Governo è solo uno strumento di questo cambiamento nel nostro paese.

  •  Ricerca del bene dei partiti.

La legge elettorale attuale, dove il cittadino non ha la più minima possibilità di scelta dovendo solo agire su liste e candidati scelti da altri, è l'esempio più eclatante di come la casta politica si difende e offende il normale senso del pudore civile. Fa bene Brunetta a dire “cambiamo l'articolo 1 della Costituzione”, i fondamenti stessi del nostro vivere civile sono stati profondamente cambiati ai danni di tutti noi e quello che chiede Brunetta è solo un atto di onesta presa di consapevolezza di come siamo ora.

Il finanziamento dei partiti, abrogato da un referendum popolare con vastissima maggioranza, è bellamente ignorato da tutti i partiti di destra e di sinistra in una convergenza totale di interessi, anzi per prendere l'intero cifra che i partiti si sono spartiti, non è necessario che l'attuale parlamento duri l'intera legislatura: 5 anni. Se il Parlamento cade, meglio ancora, perché cosi' il finanziamento si moltiplicherà, infatti il Governo Prodi è caduto dopo appena aver raggiunto la soglia minima (2 anni) per godere dei benefici per tutti i suoi componenti (pensione vitalizia per gli eletti e finanziamento dei partiti in toto). E' come se voi dovendo lavorare 8 ore al giorno ne lavoraste solo 3 ore e 10 minuti e anziché dopo 40 anni di lavoro poteste andare in pensione dopo 2 anni. Alla faccia del lavoro usurante. E deve essere anche molto usurante se si candidano a fare il Parlamentare persone con condanne definitive sulle spalle, mentre per un lavoratore per essere assunto nella Pubblica amministrazione si pretende:

  • assenza di sentenza di condanna passata in giudicato, ovvero di sentenza di applicazione della pena su richiesta ai sensi dell'art. 444 del codice di procedura penale, per qualsiasi reato che incide sulla moralità professionale o per delitti finanziari;

  • assenza nell'esercizio della propria attività professionale, di errore grave, accertato con qualsiasi mezzo di prova addotto dall'amministrazione aggiudicatrice;

  • non essersi resi gravemente colpevoli di false dichiarazioni nel fornire informazioni relative ai requisiti di ordine generale, alla capacità economico-finanziaria ed alla capacità tecnica.

 

E' chiaro che l'opposizione e anche i sindacati per cui ci sono evidentemente degli interessi condivisi, stanno al gioco (la ricerca del bene di parte e non quello di tutti) e quindi non mi sorprende la dichiarazione di Bersani che contrastando il Presidente del Consiglio su un particolare piccolo piccolo, in realtà gli copre le sue malefatte molto piu' grandi a cui evidentemente aspira a sostituirsi per godere dei medesimi benefici che sono di parte e sicuramente non rappresentano il bene comune.

Non bisogna far sapere troppo al popolo che potrebbe farsi troppe domande ed impaurirsi.

Sky ha lanciato un sondaggio: “Ha ragione Berlusconi o ha ragione Bersani?”. Non ci chiedono se Bersani ha dato una risposta adeguata, perché così ci farebbero pensare, desiderano che noi scegliamo tra le persone che ci vengono offerte, scegliere persino tra gli stessi pensieri di altri. Tu non pensare stai comodo come un pollo in batteria e consuma, mangia il mangime preparato, non devi cercare altro. Guarda come andiamo bene, vedi gli altri paesi come stanno peggio di noi?

Vedete ci distraggono con falsi obiettivi, in realtà noi siamo le loro mucche da mungere e non ci mungono solo noi qui e ora, ma anche i nostri figli e i nostri nipoti e quelli che verranno dopo.

Per chi volesse sapere quanto il Governo ha prelevato dalle tasche degli italiani dico che nei soli primi 10 mesi del 2009 ha prelevato, a nostra insaputa, 138,6 Mld € , che è l'incremento del debito pubblico italiano nel periodo, che mi ricorda, all'incirca (non perché non sia preciso ma perché Tremonti di cifre ne ha dette diverse) la cifra che Tremonti sostiene sia rientrata in Italia dallo Scudo fiscale e che sono 2.280 € per ognuno dei 60 Ml di italiani (per una famiglia di 4 persone sono 9.120 €) . A questi aggiungete almeno il TFR e ho fatto solo una ricerca approssimata con dati ufficiali. Per i particolari leggete anche il precedente articolo L'emorragia continua.

Alla faccia di chi dice di non avere messo le mani nelle nostre tasche. Ipoteca anche il futuro dell'Italia.

Se vi dicono che il debito pubblico c'è sempre stato, andate a vedere le cifre, quelle sì che sono vere e non vi possono confondere.

Non ce lo insegnano perché il bene comune non viene perseguito come priorità da nessun Governo né di destra, che è pure bugiardo, né di sinistra. Si cerca con priorità decrescente a partire dalla prima: il bene personale, della lobby, della parte, del partito, dei partiti tutti.

Le tasche degli italiani sono fatte dai beni mobili (contante), dai beni immobili (alloggi, terreni) e dai debiti contratti (mutui). Noi facciamo parte di una società, nessuno ce lo insegna ma il bene comune è anche bene nostro e il debito comune è anche debito nostro. Se si interviene ad alterare qualcuno di questi beni viene alterato il nostro bene materiale di cui disponiamo.

Non c'e' differenza tra stampare moneta e aumentare le tasse, entrambe ricadono o ricadranno su chi paga le tasse.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 26 Gennaio 2010 10:03  

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna


Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information