Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

TAV sì o no? Centrali nucleari sì o no? Il cittadino indignato di fronte alla corruzione della politica

E-mail Stampa PDF

 

La notizia del 30/03/2012 è la seguente:

“Lo sviluppo delle rinnovabili, unito alla stagnazione della domanda, sta rendendo difficile la copertura dei costi di produzione degli impianti convenzionali, mettendone a rischio la possibilità di rimanere in esercizio”. Parola del presidente dell’Enel Paolo Andrea Colombo.

Già perché le rinnovabili sono più convenienti delle centrali termoelettriche che sono alimentate dall'olio combustibile, un derivato del petrolio, mentre le rinnovabili usano il sole, il vento cioè il loro carburante è gratuito e quindi in esercizio costano meno. Inoltre l'attuale sviluppo del fotovoltaico installato in Italia ha già raggiunto l'equivalente della produzione di 3 centrali nucleari.

Vi ricordate le 10 centrali nucleari che erano necessarie per evitare che rimanessimo al buio di solo 12 mesi prima?

Tremonti per finanziare l'impresa penso' anche a come finanziare l'impresa: un debito aggiuntivo che si sarebbe sommato a quello che ora ci sta schiacciando: il cosiddetto Debito nucleare.

Non vi sentite presi un po' in giro? La compagine guidata da Berlusconi ci avrebbe ulteriormente indebitati per molti anni con un'opera inutile, anzi dannosa, come ha ampiamente dimostrato la tragedia di Fukushima.

C'è da chiedersi dove siano altre opere inutili e dannose.

Cambiamo scenario. Attualmente tutti i politici delle principali coalizioni, destra e sinistra in un frenetico abbraccio, sono per la TAV.

Non è che non si siano fatti studi seri sull'argomento: TAV comparata con NO-TAV, dimostrando l'inutilità e la dannosità della TAV, esattamente come erano serie le motivazioni che ci spingevano contro il nucleare lo scorso anno.

Purtroppo quando la logica lascia il campo ad altro, c'è da ritenere che alla base ci siano motivazioni non a favore del bene comune, ma a suo danno. La corruzione è come un iceberg: se nascosta è ancora più dannosa di quella che emerge. Ricordo che quest'anno si è appena commemorato il centenario della tragedia del Titanic, che, a mio parere, insieme al naufragio della Concordia, diventa una metafora di questo tempo.

Quello che personalmente ritengo inaccettabile è che il costo dell'interesse di pochi lo debbano pagarli tutti, con particolare preferenza per i più deboli. Inoltre mi disturba che quando questi pochi vengono contestati abbiano l'ardire di dichiarare frasi canzonatorie tipo: “Io in genere faccio vacanze di gruppo, il giornalista del Corriere fa le vacanze sempre da solo? Eh ma che sfigato! ...“

Le vacanze e ... altro gliele stiamo pagando noi e, il mercato, l'Europa e Monti ce lo hanno solo ricordato. Ora il Governo Monti cerca di ritrovare il filo della crescita con la spending review operazione meritoria ma sempre di tagli, anche se, buoni.

Poiché detesto la sola denuncia di cose che non vanno, senza nuove proposte che aprano nuovi orizzonti, sono sempre convinto in una mia vecchia idea su uno stimolo all'economia locale variando l'IVA in modo progressivo in funzione della distanza tra acquirente e venditore. Monti ha l'autorità internazionale per proporla in ambito internazionale e applicarla in Italia. Sarebbe una piccola rivoluzione culturale che inciderebbe favorevolmente nel mondo delle imprese sane e dei consumatori. Definisco imprese sane quelle che ricercano il profitto, tenendo conto della loro responsabilità sociale. Le imprese sane, come ebbi già modo di evidenziare in passato, sono state surclassate da chi ha operato e opera in modo fuori dalle leggi vigenti, rimanendo estromesse da un mercato scorretto.


NOTA DI LETTURA per i meno esperti: Il testo sottolineato in rosso è un un collegamento ipertestuale: occorre andare sul testo con il cursore e clickarci sopra con il tasto sinistro del mouse, per leggere la notizia di riferimento. Per ritornare al testo originale usare il comando di Windows (la freccia, dipende dal sistema operativo, in genere posizionata in alto a sinistra dello schermo).

Ultimo aggiornamento Sabato 05 Maggio 2012 08:12  

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna


Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information