Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Produzione di nuova energia elettrica nei prossimi anni

E-mail Stampa PDF

Il programma di Sinistra Ecologia Libertà per le regionali del 2010 contiene 4 capisaldi:

  1. ETICA DELLA POLITICA
  2. USCIRE DALLA CRISI
  3. PIANIFICAZIONE DEI BISOGNI DEL TERRITORIO
  4. SICUREZZA E QUALITA' DELLA VITA

Quanto segue è la ricerca per attuare questo programma in modo propositivo su un problema pratico che coinvolge tutti i 4 capisaldi.

La scelta di costruire centrali nucleari negli anni dopo il 2010 e prima del 2030 come proposto dall'accordo Berlusconi - Sarkozy a me sembra sciocca, come l'affermazione di Berlusconi che ha detto in campagna elettorale per le Regionali che l'Italia (aprile 2010) avrebbe vinto il cancro in 3 anni.

E' ora di smettere di dire stupidaggini e di fare affari con i soldi degli italiani incrementando a loro insaputa il debito pubblico.

Che il nucleare sia una tecnologia obsoleta lo sanno tutti, anche Berlusconi che avra' strappato a Sarkozy sicuramente condizioni a lui più vantaggiose, ma non per gli Italiani che credono alle favole o ai chiromanti e che ancora una volta gli hanno dato fiducia. I vantaggi di una simile operazione sono della Francia, di Berlusconi e non sicuramente per gli Italiani.

 

Ora, da ingegnere quale sono, vi spiego perché Berlusconi scegliendo il nucleare stia sbagliando e non stia perseguendo il bene degli Italiani e, come in questo documento, Sinistra Ecologia Libertà proponga una alternativa migliore al nucleare sotto tutti i punti di vista.

1)    Berlusconi sta contravvenendo un referendum che ha bocciato il nucleare. Questa azione, non seguendo il volere del popolo,  non è democratica. L'aggettivo corretto lo scelga il lettore. L'operazione è particolarmente scorretta perché Berlusconi si è rifiutato di dire prima delle elezioni regionali 2010 dove il suo Governo pensa di installare le nuovi centrali nucleari e soprattutto di dire dove pensa di stoccare i rifiuti radioattivi per i prossimi 10.000 anni. Per me sarebbe inaccettabile anche il Sahara: l'esportazione di un pericolo non attenua la pericolosità del pericolo, lo rende solo poco visibile.

2)    In tutto il mondo si sta riducendo la costruzione di nuove centrali nucleari[1], perché ritenute sorpassate. Abbiamo un leader legato ancora ad antiche credenze.

3)    A detta dello stesso Governo avremo queste centrali nucleari funzionanti nel 2030 quando questa classe politica sarà spazzata via da quella che Totò chiamava livella, nel frattempo l'Italia si sarà ancora di più impoverita per un obiettivo sbagliato, incrementando, a nostra insaputa, ancora una volta il debito pubblico.

4)    Nel 2030, per alimentare le centrali che saranno ancora in funzione nel mondo, il prezzo dell'uranio sarà aumentato a dismisura.

5)    Non si e' presa in considerazione l'energia del sole che permette di produrre la medesima energia a un prezzo inferiore, senza scorie da nascondere. Non un singolo contratto con la Francia che può essere gestito da un singolo gruppo di potere, ma polverizzato in migliaia di commesse a beneficio di tante famiglie Italiane che sono nelle condizioni di trarne beneficio e che crea lavoro in Italia.

Compariamo strettamente le 2 tecnologie: la nucleare e la fotovoltaica, per conoscerle un po' di più.

Nucleare o fotovoltaico ?

Si potrebbe sottotitolare Einstein contro Einstein, infatti le intuizioni del genio del secolo scorso sono alla base dei principi della fissione nucleare con cui Fermi costruì la prima centrale nucleare al mondo e sempre Einstein studiò l'effetto fotoelettrico che gli permise di conseguire il premio Nobel per la Fisica nel 1921.

 

Nucleare[2]

Fotovoltaico

Generazione [3]Energia elettrica

Dalla fissione dell'atomo dell'uranio, che genera calore, che vaporizza, un primo fluido intorno al nocciolo, che viene raffreddato dall'acqua di un secondo anello, che muove le turbine, che generano l'energia elettrica. I vapori che muovono le turbine sono raffreddati da un ulteriore anello di raffreddamento di acqua corrente.

Direttamente dalla luce solare

Tempi dalla progettazione all'apertura dell'impianto

15-20 anni

2-6 mesi

Modularità

Pochissima: una centrale o c'è o non c'è; quando c'è produce la sua energia giorno e notte con problemi durante la notte perché non ci sono utilizzatori e quindi disperde nell'ambiente intorno l'energia con consumo notevole di acqua che viene vaporizzata in aria.

Totale. Il Modulo e' a livello di abitazione ed e' capace di rendere completamente autosufficiente una singola abitazione. L'energia viene prodotta quando c'è il sole , quando la richiesta di energia dalla rete e' maggiore (impianti di condizionamento, imprese manufattrici ecc.). Può crescere a mano a mano che crescono le necessità.

Combustibile

Uranio

Il sole

Altri materiali di consumo

Acqua

 

Rifiuti

Si[4], molto pericolosi, per la razza umana eterni, di gestione molto difficile. Non si deve costruire una centrale se non si sa prima dove si stoccheranno i rifiuti.

assenti

Dismissioni

Procedura molto elaborata

Semplici materiali riciclabili: alluminio, rame, vetro

Durata prevista

Circa 40 anni

Illimitata (dopo 20 anni riduzione del 20% del rendimento)

Generazione di anidride carbonica

1/5 di una centrale a idrocarburi [23]

No

Impatto ambientale[19]

Nelle miniere di uranio, nell'assorbimento di grandi quantità di acqua che vengono restituite solo in parte, a una temperatura superiore con impatto sensibile sulla vita circostante, nella conservazione per una durata infinita delle scorie radioattive. Miniere di Alluminio e rame per elettrodotti ad alta tensione per la distribuzione dell'energia elettrica prodotta. Nella conservazione delle scorie.

Nella produzione del semiconduttore necessario, nelle miniere di alluminio e in quelle di rame. Non ci sono elettrodotti aggiuntivi perché la rete essendo integrata si insinua nella rete esistente senza costi aggiuntivi.

Pericolosità in caso di rottura

Elevata in condizioni di terremoti, attentati, guerra [26]

Pericolo contenuto di un'apparecchiatura elettrica a 300 – 600 Vdc

Raggio negativo di influenza[5]

40 Km per ridurre il pericolo di incremento della leucemia nei bambini da 0 a 5 anni al 0,5%. A 5 Km la probabilità di contrarre la leucemia cresce al 76%.

Non c'e' una zona circolare di pericolo, ma la superficie di pannelli fotovoltaici equivalenti a una centrale nucleare da 1 GW sarebbe un cerchio di raggio 3,08 Km

Affidabilità dal punto di vista di fornitura di energia elettrica

Minore in quanto un guasto ferma una produzione di una grande quantità di energia elettrica

Massimo, in quanto sistema distribuito e in grado di sopravvivere a catastrofi

Costi impianto di produzione

Molto elevato[6] [7]. Per costruire una centrale nucleare da 1 GW che produce 6.923.000 MWh annue[18] il costo è 2.434 Milioni di €[8].

Elevato. Per produrre, la medesima quantità di energia 6.923.000 MWh annue si devono installare pannelli fotovoltaici con una superficie equivalente a un cerchio di raggio 3,08 Km con un costo di 8.128 Milioni di € Comparazione nucleare-fotovoltaico

Costo di distribuzione dell'energia elettrica

Nuovo elettrodotto per inserirsi nella rete elettrica pre-esistente, con ulteriore impatto ambientale.

Non necessario perché il sistema e' distribuito sul territorio. Ci si collega alla rete elettrica nazionale direttamente da casa propria.

Costo del combustibile

Per una centrale da 1 GW sono 30 t di uranio arricchito o 200 t di uranio naturale all'anno. Circa 6 Milioni di € all'anno. [24]

Le riserve della terra di uranio si stanno esaurendo. Costo dell'uranio in crescita costante.

Costo nullo e materia prima inesauribile

Costo dei rifiuti

Molto elevati e con grande impatto ambientale per tutti i tempi futuri. I governi tendono a nascondere dove verranno stoccati.[25]

Nessuno

Costo di altri materiali oltre il combustibile

Grandi quantità di acqua che vengono sottratte all'agricoltura, in un mondo che va verso a una penuria d'acqua. Impatto ambientale notevole per interruzione di corsi d'acqua e restituzione a valle di acqua con temperatura 10 -20 °C maggiore. Non utilizzabile per teleriscaldamento perché lontana da qualsiasi centro abitato.

Nessuno

Costo delle dismissioni

Elevata

Semplice materiale riciclabile interamente.

Energy Pay Back Time (EPBT) [20]

16 anni  [21] su 40 anni di vita presunta dell'impianto.

1,75 anni [22] su 30 anni di vita presunta (nell'Europa del sud); 5,7 anni [21] (negli USA)

Green House Gas (GHG) 12 CO2-eq/KWh [21] 30 CO2-eq/KWh [22] (nell'Europa del sud)

Cosa fanno gli altri

Tecnologia che si sta esaurendo di adottare in nuovi impianti

Tecnologia in forte espansione.

Capacita' corruttiva

Elevata per la concentrazione di commesse per impianti di produzione di energia concentrati in poche unità e soprattutto per lo smaltimento dei rifiuti, che possono danneggiare intere popolazioni future ignare del pericolo.

Molto bassa per la frammentazione degli impianti che sono in maggior parte a carico dei privati che ottengono un tornaconto determinato da incentivi statali.

Flusso di cassa per lo stato

Molto elevato e incremento del debito pubblico dello stato.

Molto basso, sopportato dai privati all'inizio e con un flusso regolato e continuo funzione dell'effettiva generazione dell'energia elettrica.

 

E' singolare che il sito mondiale dei produttori di centrali nucleari compari tutte le tecnologie che producono energia elettrica ma non prenda in considerazione come alternativa il fotovoltaico[8].

La tecnologia fotovoltaica e' scalare, il che significa che se in una certa zona abbiamo un impianto fotovoltaico su un tetto rivolto a sud con inclinazione 30° con una certa superficie di pannelli, che produce 15 Kwh giornalieri, se nella stessa zona installo una superficie 100 volte superiore, produrro' 1.500 Kwh giornalieri cioè 100 volte maggiore.

Il tetto di casa mia ha montati 18 pannelli da 230W di valore di picco ciascuno con una superficie complessiva di 24,95 mq e ho prodotto in un anno 5,79MWh.

Allora questa è la proposta alla fabbrica SEL di Nichi:

Cosa dobbiamo fare noi per NON costruire una centrale nucleare e fornire la medesima energia da fonte fotovoltaica?

Se un reattore nucleare è da 1 GW produrrà 6.923.000 Mwh [18] avremo bisogno di

6.923.000 * 24,95 / 5,79 =  29.858.055 mq di superficie di pannelli fotovoltaici per produrre la medesima quantità di energia. Questa superficie corrisponde a un cerchio di raggio 3,08 km tutto ricoperto di pannelli fotovoltaici. Si noti che questa superficie risulta inferiore ai minimi 5 Km di zona di salvaguardia di una centrale, per evitare che la probabilità di leucemia dei bimbi da 0 a 5 anni nella zona si incrementi del 76% rispetto ai valori normali.

Veniamo alla proposta pratica da parte della fabbrica di Nichi.

Proposta che facciamo per il Piemonte, ma estendibile a qualsiasi regione italiana e che estendiamo al comune di Rivoli come proposta implementativa pratica.

Se ogni comune del Piemonte si impegnasse a contribuire a installare sul proprio territorio  una frazione di questa superficie in rapporto alla sua popolazione il Piemonte potrebbe produrre l'energia equivalente a quella di una centrale nucleare da 1 GW rendendo di fatto la proposta dell'attuale Governo inutile e dannosa, rendendo evidente anche la parzialità dell'attuale stesso Governo.

Se infatti non conviene installare una centrale nucleare sotto nessun riscontro democratico, etico, ecologico, scientifico, costo di impianto e di esercizio, sicurezza, salute, riciclaggio dei materiali esausti, dismissioni, allora l'unica ragione per questa insistenza dell'attuale Governo a perseguire nel suo programma è da ricercarsi in motivi inconfessabili e per estensione, anche a tutte le altre incomprensibili azioni del Governo stesso.

Un esempio di azioni incomprensibili: l'attacco alla Giustizia e a chi denuncia la camorra, le mafie e non il perseguire le mafie stesse, richiedendo a gran voce il silenzio ai vari media ancora non influenzati direttamente dalla propaganda, il perseguire la ricerca di chi pubblica le notizie del malaffare (chi pubblica le intercettazioni) e non il contrasto al malaffare stesso.

Ritornando al problema energetico, per produrre l'equivalente di una centrale nucleare che provvederebbe ai consumi futuri di un territorio sostituendolo con il fotovoltaico, per dare l'ordine di grandezza di uno sforzo in questo senso, il mio comune Rivoli, poco meno di 50.000 abitanti dovrebbe installare nei prossimi 15-20 anni (il tempo di costruzione di una centrale nucleare) 1397 impianti fotovoltaici come quello di casa mia, che e' un traguardo accettabile (sono poco più di 55 nuovi impianti all'anno per 25 anni). Se tutti i comuni piemontesi adottassero il medesimo criterio, la centrale nucleare non sarebbe necessaria perché sostituita da un equivalente complesso di impianti fotovoltaici distribuito su tutta la regione.

Per raggiungere questo traguardo, si può operare su 3 fronti:

●      incentivando i possessori di un tetto in posizione adeguata, sia privati singoli,  sia condomini, sia imprese (capannoni industriali) di dotarsi nei prossimi anni di un tale impianto, anche facilitato dagli attuali incentivi governativi che, attenzione, ogni anno si stanno riducendo. Questa operazione è redditizia per i privati ed è equivalente a un investimento fisso per 20 anni a un tasso di interesse che si aggira sul 7% (impianto terminato nel 2009 e relativi incentivi governativi), quindi di tutto rispetto.

●      incentivare la fabbricazione di tutte le nuove costruzioni che sorgeranno nel comune con alcuni semplici accorgimenti:

1) Abitazioni con tetto rivolto a sud (+/- 20°), inclinazione di 30°, priva sul lato sud di camini, finestre e ingombri vari che riducano o facciano ombra sulla superficie del tetto. Distanza tra le abitazioni perché con il sole con azimut a 21° non vi sia ombra sul tetto dalle abitazioni adiacenti nemmeno da soprelevazioni limitate come antenne e simili.

2) Fotovoltaico sul tetto il più esteso possibile, che non sia il soddisfacimento di un vezzo transitorio, ma la ricerca dell'ottimizzazione per un problema vero.

Esempio deludente: se andate a Grugliasco in via Cotta, prima di immettervi su corso Allamano all'altezza della Comau, potete vedere come nuovi edifici siano stati attrezzati con un fotovoltaico di piccole dimensioni solo per poter affermare che queste abitazioni ne sono dotate.

3) Aggancio al teleriscaldamento di Torino - Collegno  in modo da estendere anche alla città di Rivoli i benefici. Si noti che a Collegno il teleriscaldamento ha subito ritardi, l'ingresso di un nuovo attore come Rivoli, se tecnicamente possibile avrebbe anche il  valore di riattivare un'iniziativa attualmente in stallo.

4) Isolamento termico delle abitazioni in modo da soddisfare ai requisiti piu' stringenti della normativa europea

5) Caldaia a condensazione per le abitazioni prive di teleriscaldamento.

6) Insonorizzazione dei locali a norma vigente (mai rispettata ma che andrebbe controllata almeno una volta nella vita dell'abitazione)

●      E infine usare gli spazi morti, di difficile utilizzazione privata o pubblica, come le rive dei fiumi che non hanno tracimato negli ultimi 100 anni come sede per un'installazione pubblica che si aggiunga a quella di tutte le parti comuni (scuole, palestre ecc.)

A questo punto diventa indispensabile per ogni comune non solo di adottare la risoluzione della Comunità europea Direttiva 2002/91/CE sulla certificazione energetica delle abitazioni [9] a cui l'Italia arriva buona ultima, ma di apportare capitolati di costruzione per ogni nuovo edificio che si debba costruire su un suolo comunale in modo da tener conto anche delle esigenze di un tetto fotovoltaico, come certi comuni [10] [11] [12] [13]virtuosi in particolare nel Trentino[14] [15]o di altre nazioni, Germania in testa, hanno già adottato[16] in abbinamento a un più completo piano di risparmio energetico dell'abitazione.

(Allegata tabella riassuntiva “Comparazione nucleare-fotovoltaico”)


[1] http://www.iaea.org/About/Policy/GC/GC48/Documents/gc48inf-4_ftn3.pdf

[2] http://www.iaea.org/OurWork/ST/NE/NEFW/documents/ENVIRONET/kickoff_meeting_2009/day1/Approaches_To_Environmental_Health_Policy_Development.pdf

[3] http://it.wikipedia.org/wiki/Centrale_elettronucleare

[4] http://www-pub.iaea.org/MTCD/publications/PDF/Pub1239_web.pdf

[5] http://www.bfs.de/en/ion/wirkungen/leukaemie.html

[6] http://genio.virgilio.it/questions/Nucleari_nuovi_siti_centrali_1493174103956/VERI_COSTI_DEL_NUCLEARE_Sul_se_ne_1860168526112

[7] http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/dossier/Italia/2009/commenti-sole-24-ore/06-settembre-2009/energie-rinnovabili-falsi-miti_2.shtml

[8] http://www.world-nuclear.org/info/inf02.html

[9] http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2003:001:0065:0071:IT:PDF

[10] http://www.ingegneri-ca.net/informazione/110/info110-e.pdf

Costruire secondo le regole della sostenibilità per un uso corretto di ambiente e risorse

QUALCHE PROPOSTA IN VISTA DEL NECESSARIO AGGIORNAMENTO DEI REGOLAMENTI COMUNALI

[11] http://www.she.coop/uploadedfiles/DOSSIER_Indagine_Incentivi_Convention.pdf

[12] http://www.sportellocasa.it/public/5_1_tb_file_periodici.pdf

[13] www.comune.faloppio.co.it/comunicazioni/presentazione_lr.../download

[14] http://www.filleacgil.it/Filleacasa/Abitaresostenibile/Regioni%20%20Schede%20introduttive/introduzione%20trentino.pdf

[15] http://www.comune.tn.it/trento/trento65.nsf/51683109be521632c12572d6003045e5/2ba03df097d7c8c1c12574d50044f715/$FILE/Piano%20energetico%20TrentoxKyoto.pdf

[16] http://it.wikipedia.org/wiki/CasaClima

[18] http://energies.edf.com/edf-fr-accueil/la-production-d-electricite-edf/-nucleaire/les-centrales-nucleaires/flamanville/presentation-120791.html

[19] Sustainability Evaluation of Solar Energy Systems - LCA Analysis 2008;          http://www.sense-eu.net/fileadmin/user_upload/intern/documents/Results_and_Downloads/SENSE_LCA_results.pdf

[20] E' il tempo necessario a un pannello fotovoltaico per generare l'energia che l'ha prodotto. Solar 2000 Conference, Madison, Wisconsin; http://www.ecotopia.com/apollo2/knapp/PVEPBTPaper.pdf

[21] Comparison of energy systems using Life Cycle Assessment 2004 http://www.worldenergy.org/documents/lca2.pdf

[22] 24th European Photovoltaic Solar Energy Conference, 21-25 September 2009, Hamburg, Germanyhttp://www.ourenergyfutures.org/tutenslaparaula/images/pdf/ScientificPaperonPV.pdfi dati non sono univoci; per gli USA http://www.energybulletin.net/node/17219 per vedere tutta la letteratura sul EPBT stimato http://www.energybulletin.net/node/17219

[23] D.T. Spreng, citato da Angelo Baracca "L'Italia torna al nucleare?" pag. 130

[24] passando da 20$ per libbra nel 2000 a 120$ per libbra nel 2007  "L'Italia torna al nucleare?" Angelo Baracca pag. 130

[25] per rendersi conto di quanto il problema sia irrisolto si legga questo documento della Agenzia Internazionale dell'Energia Atomica (IAEA) sui lavori che si devono fare per mettere al sicuro quei rifiuti che sono stati affondati nei mari artici con costi completamente non determinabili http://iaea.org/Publications/Magazines/Bulletin/Bull391/specialreport.html

[26] L'Agenzia Internazionale per l'Energia Nucleare (IAEA) ha classificato in 7 livelli la gravità di incidenti nucleari. La storia dice che tutti i 7 livelli sono stati raggiunti da uno o più incidenti in centrali nucleari di tutto il mondo. Per leggere la classificazione si legga la voce INES (International Nuclear Event Scale) a questo indirizzo che è il Glossario dei termini relativi al nucleare: http://www-pub.iaea.org/MTCD/publications/PDF/Pub1290_web.pdf

Ultimo aggiornamento Martedì 16 Agosto 2011 09:16  

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna


Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information