Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Centrali Nucleari in Piemonte?

E-mail Stampa PDF

Il Governo aspetta le elezioni regionali per poi dichiarare quali saranno le regioni che dovranno accettare l'installazione di una centrale nucleare.

Le regioni Lombardia e Veneto seppure ad attuale guida PDL hanno già fatto sapere che non sono disposte con diverse motivazioni ad accettare una centrale nucleare nel loro territorio.

Anche la Bresso nel suo programma elettorale per il Piemonte ha escluso questa possibilità.

 

 

 

 

 

A nostro vedere al comportamento arrogante del Governo che va contro un referendum accettato dalla maggioranza degli italiani e dalla totalità delle Regioni bisogna controbattere non con parole ma con efficaci proposte alternative.

Infatti il Governo, nonostante tutto, potrebbe proporre e cercare di imporre al Piemonte che già possiede una Centrale nucleare in smantellamento a Trino Vercellese di costruirne accanto una nuova; in questa eventualità, allo scopo di evitare difficili e traumatiche contrapposizioni, la nostra proposta è la seguente:

Date alla Regione Piemonte gli euro del costo della centrale, del costo dello smaltimento dei rifiuti radioattivi, degli incentivi alla popolazione e ai comuni che prevedete in questi casi e la Regione provvederà a generare la medesima quantità di Giga Watt in altro modo con nuovi impianti che non utilizzino la pericolosa tecnologia nucleare.

Questi nuovi impianti produrranno energia elettrica non tra 10-15 anni come previsto per una centrale nucleare, con l'inevitabile lievitazione dei prezzi e della corruzione, ma inizieranno a generare elettricità a partire da appena dopo un anno che sono arrivati gli stanziamenti dell'equivalente centrale nucleare in Regione Piemonte a cui verranno aggiunti anche gli incentivi previsti dal Governo per lo sviluppo delle tecnologie alternative.

L'energia prodotta non sara' uniforme durante la giornata e quindi inutile di notte, ma sara' concentrata nelle ore di maggior consumo, quelle diurne e inoltre sara' distribuita sul territorio regionale con i benefici di un maggior rendimento con una necessità di una minima rete elettrica di distribuzione. Non ci saranno scorie, non ci saranno pericoli di incidenti nucleari e l'affidabilità dell'impianto, proprio per la sua distribuzione sul territorio, sarà sotto tutti i punti di vista, nettamente maggiore di un impianto singolo.

Questa operazione permetterà di creare posti lavoro con una nuova professionalità e un'occupazione non concentrata ma diffusa sul territorio, valorizzando sia abitazioni private, capannoni industriali e aree depresse.

Ci renderà indipendenti da acquisti di combustibile sui mercati stranieri e renderà molto più semplice lo smaltimento dei rifiuti.

Con solo 10 kmq di superficie complessiva di posa di pannelli fotovoltaici si potranno produrre 1,5 GW di potenza. Un unico acquirente di materiali permetterà di far disporre a pubblico e privati pannelli fotovoltaici a un costo concorrenziale.

Per una comparazione più analitica nucleare - fotovoltaico consiglio andare su: Comparazione nucleare-fotovoltaico e Produzione di nuova energia elettrica nei prossimi anni

Cosa stanno facendo gli altri paesi?

Tutti i paesi mondiale in questi anni hanno avuto un grosso ripensamento sull'opportunità di costruire Centrali nucleari.

Non lo dico io, lo dice l'IAEA, che è un autorevolissimo organismo internazionale, a cui l'ONU, per esempio, ha demandato i controlli degli impianti di arricchimento dell'uranio nell' IRAN.

Da: http://www.iaea.org/About/Policy/GC/GC48/Documents/gc48inf-4_ftn3.pdf

Nella figura 2 a destra si vede l'andamento delle costruzioni di nuove centrali nucleari in funzione del tempo e come si vede dopo un picco di costruzione tra gli anni 1970 e 1985 lentamente non si costruiscono piu' nuove centrali nucleari nel mondo.

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 02 Marzo 2012 19:24  

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna


Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information