Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Ambiente

Manculicani!

E-mail Stampa PDF

Angoli di città, che per il degrado in cui versano, sono stati esclusi persino ai cani!

 

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 31 Luglio 2014 10:50
 

TAV sì o no? Centrali nucleari sì o no? Il cittadino indignato di fronte alla corruzione della politica

E-mail Stampa PDF

 

La notizia del 30/03/2012 è la seguente:

“Lo sviluppo delle rinnovabili, unito alla stagnazione della domanda, sta rendendo difficile la copertura dei costi di produzione degli impianti convenzionali, mettendone a rischio la possibilità di rimanere in esercizio”. Parola del presidente dell’Enel Paolo Andrea Colombo.

Già perché le rinnovabili sono più convenienti delle centrali termoelettriche che sono alimentate dall'olio combustibile, un derivato del petrolio, mentre le rinnovabili usano il sole, il vento cioè il loro carburante è gratuito e quindi in esercizio costano meno. Inoltre l'attuale sviluppo del fotovoltaico installato in Italia ha già raggiunto l'equivalente della produzione di 3 centrali nucleari.

Ultimo aggiornamento Sabato 05 Maggio 2012 08:12
 

A scoppio ritardato

E-mail Stampa PDF

Un sistema è lineare quando reagisce in modo proporzionale allo stimolo ricevuto: quando schiacciate l’acceleratore della vostra auto, se tutto va per il verso giusto, la macchina accelera proporzionalmente. Ma se il sistema di alimentazione si ingolfa, rischiate al contrario che il motore si fermi e la macchina rallenti di colpo: il sistema è diventato caotico; avete schiacciato l’acceleratore, ma è come se aveste pigiato il freno; se questo capita durante un sorpasso, il vostro sistema, che da lineare era passato a caotico, rischia di diventare, se si tiene conto anche della legge di Murphy[1] catastrofico. Insomma dai una botta al sistema a destra, e quello per un po’ va a destra, poi aumenti un po’ la pressione e, quello, di colpo, può andare a sinistra (pensiamo sia questa, tra l’altro, la vera strategia politica del PD, astutamente dissimulata da dirigenti che hanno una grande esperienza del caos): di sorpresa e in modo non prevedibile. I sistemi caotici sono piuttosto comuni, ma purtroppo difficilmente comprensibili e controllabili dagli umani, che pensano principalmente in modo lineare (e a volte neppure così): riguardano, tra l’altro, la crescita delle popolazioni (cfr. questo articolo dello Sbavaglio sull’isola di Pasqua e su altri casi), fenomeni economici (i fallimenti storici delle pianificazioni socialiste potrebbero essere dovuti alla natura di questi fenomeni, gli andamenti dei mercati finanziari) e fenomeni climatici. Argomento quest’ultimo di cui si occupa l’articolo di Technology Review che vi presentiamo sotto, linearmente tradotto. L’argomentare si conclude dicendo che qualunque cosa accada, ormai è troppo tardi: siamo in pieno sorpasso, il motore si sta ingolfando e possiamo solo sperare che sull’altra corsia non stia arrivando un TIR.

Ultimo aggiornamento Martedì 23 Agosto 2011 07:50
 

Quanti abitanti può accettare la terra?

E-mail Stampa PDF

 

Quanti abitanti può accettare la terra? Quanti ne può sfamare? A mio parere è possibile calcolare il limite superiore a questa domanda. Approssimiamo molto il ragionamento e ragioniamo per eccesso per poi affinarlo successivamente. Se tutte le terre emerse fossero ricoperte di uomini, gli uomini morirebbero perché raggiunto quel momento non ci sarebbe terra a disposizione per coltivare cibo. Questo limite mi pare sicuramente giusto ma molto poco preciso e molto al di là del reale, tuttavia è importante per capire che esiste un limite e questo è definito.

 

Ultimo aggiornamento Sabato 30 Aprile 2011 10:57
 

Tsunami nucleare

E-mail Stampa PDF

 

La lettura dell’ottimo articolo di Crosstalk “La pozza di catrame”, mi ha spinto ad aggiungere un piccolo contributo al dibattito in corso sul nucleare, sia pure utilizzando argomenti già espressi in altre occasioni. Mi perdoneranno quei lettori che annoierò con temi a loro già noti. Io sono un ingegnere nucleare, come lo è Pino Ippolito, del resto. Ho scritto la mia tesi dopo aver frequentato per sei mesi la centrale di Trino Vercellese e mi sono occupato delle potenziali ricadute radioattive in quella zona, in caso di Massimo Ipotetico Incidente (LOCA - Loss Of Coolant Accident – cioè la perdita del refrigerante del circuito primario, che può comportare la fusione del nocciolo del reattore). Inoltre, in quel periodo, l'impianto era fermo perché era in corso la sostituzione delle barre di combustibile esaurite. Ho potuto seguire molto bene la vita della centrale e la SUA GESTIONE.

Ultimo aggiornamento Giovedì 18 Agosto 2011 17:29
 


Pagina 1 di 4

Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information