Lo Sbavaglio

...perchè le libere opinioni contano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Come ti derubo senza che te ne accorga

E-mail Stampa PDF

La situazione italiana non è affatto bella.

Gli italiani preferiscono sentirsi dire che tutto va bene, che la situazione sta migliorando e se ce l'hanno con il Presidente del Consiglio cercano e trovano le sue malefatte pruriginose.

Ma caro lettore, qui ti stanno toccando i soldi nel tuo portafoglio e anche pesantemente.

Se a casa tua, tuo figlio comprasse un'automobile senza dirti niente, facendo un debito che poi tu dovrai inesorabilmente ripianare, scatteresti in piedi e rimproveresti aspramente quel tuo figlio sciagurato.

Ebbene il Governo programma un debito pubblico sempre crescente che dovrai appianare tu.

Evidentemente il Governo ha interesse a comportarsi così: adotta in campo economico la stessa strategia che adotta nel campo della Giustizia. Ricordi? La prima azione che fece Berlusconi all'inizio della legislatura fu pensare a proteggersi con il lodo Alfano. Un'azione che salvaguarda il singolo e danneggia tutti gli altri.

Non c'è ragione perchè il Governo non stia utilizzando la stessa strategia, anzi che sia proprio lo scopo della sua azione.

Gli italiani che ragionano come il Presidente del Consiglio sono tanti e in questa azione che danneggia tutti ritengono a torto che non verranno danneggiati nel personale: niente di più sbagliato. Il Governo passerà, ma i debiti che sta creando sulle nostre spalle rimarranno.

Poichè le parole sono dei politici e sono contestabili ma i numeri non sono contestabili ecco a voi, nel seguito, cosa sta preparandosi sulla vostra testa.

 

Se volete avere una fotografia concisa della situazione leggete “L'economia italiana in breve” della Banca d'Italia.

Se non siete avvezzi all'aridità dei grafici vi semplifico i dati e continuate a leggere.

Il Governo ha pianificato  l'obiettivo di passare come rapporto debito pubblico / PIL dal 105,8 % del 2008 al 115,1% nel 2009. La fonte è il Governo stesso: “Nota di aggiornamento al DPEF per gli anni 2010-2013 (settembre 2009) - tavola 3".

Il Deficit dello stato italiano al 31/12/08 era di 1.663.031.000.000 € e al 31/8/09, 8 mesi dopo, era di 1.757.533.000.000 € (fonte Il Sole 24 Ore) con un incremento di 11.812.750.000 € al mese.

In Italia siamo 60.045.068 (fonte: Istat).

Pertanto ogni cittadino italiano ogni mese quest'anno solo per fermare questo debito pubblico crescente, che ha già allarmato le autorità europee che hanno aperto la procedura contro lo stato italiano per deficit eccessivo, dovrebbe pagare una cifra pari a:
196,73 € al mese per persona tutti i mesi: un bel giogo!

Se la famiglia è composta rispettivamente da 2, 3, 4, 5 persone dovrebbe pagare ogni mese rispettivamente 393 €, 590 €, 789 €, 983 €.

Si noti che questo pagamento serve solo per non INCREMENTARE maggiormente il nostro debito pubblico, ma non serve per risolvere la situazione.

Insomma sono i soldi che ci stanno sottraendo in questo momento ogni mese.

Se leggete questa nota sicuramente avete internet e siete una persona privilegiata e quindi le cifre indicate sono INFERIORI a quello che dovrete pagare in quanto c'e' l'aliquota progressiva delle tasse che gioca a vostro sfavore.

In un mio precedente articolo ho scritto che l'Europa ci chiede il rientro del 50% del nostro debito pubblico in un numero ragionevole di anni (4 - 6).

Ecco qui quattro conti aggiornati ad agosto 2009 di cosa ci chiede l'Europa:

1.757.533.000.000 € / 2 = 878.766.500.000 €

Per persona diventa 14.635 €, moltiplicate per quanti siete in famiglia e, vedrete che bella macchina si è comprato il figlio degenere alle nostre spalle. Lui sempre più ricco e noi sempre più poveri.

Ma non la farà lui la brutta figura di chiederci i soldi, anzi per gli anni successivi programma un debito ancora crescente, la brutta figura la farà fare a qualcun altro, perchè lui si sa le mani nelle nostre tasche non le mette.

Ultimo aggiornamento Domenica 18 Settembre 2011 18:44  

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna


Ultimi commenti


In questo sito vengono utilizzati i cookie necessari al suo funzionamento e quelli associati a terze parti nel caso di visualizzazione di contenuti da loro gestiti e per la raccolta statistica di dati di traffico. Per saperne di più, clicca su: Informativa completa.

Per accettare, clicca su:

EU Cookie Directive Module Information